Sindrome Post Finasteride

Salve a tutti. Da due anni ho interrotto l'utilizzo di Finasteride 1 mg il giorno per dieci anni. A distanza quasi immediata dalla fine assunzione mi sono accorto di una riduzione del getto del liquido seminale. Dopo circa 6 mesi sono comparsi disturbi della memoria e della concentrazione. Con il tempo il liquido seminale che si era già ridotto con l assunzione nei 10 anni ma era stabile e accettabile è diventato ridotto a niente.: eiaculazione ridotta ad una manciata di mL , mancanza del getto, insensibilità sul pene e sul prepuzio, orgasmo raggiunto solo con forte masturbazione difficile da ottenere con un rapporto regolare , diminuzione della libido in generale e di tutte le sensazioni positive date dal piacere legato alla sessualità. Sono già stato due specialisti in andrologia-endocrinologia e sessuologia ma le risposte dopo aver speso anche molto soldi e aver fatto analisi ormonali dove gli androgeni sono un po più alti della media ma niente di che. Fertilità ok . Non ho avuto risultati verso una cura o qualche farmaco che inviti il DHT a essere prodotto come prima. Alcuni puntano sulla vitamina D3 100.000 e oltre U.I per molto tempo, ma non capisco se siamo ancora in un campo minato. Ma la vita è adesso non fra 10 anni quando chi ha venduto legalmente questo veleno venderà legalmente l antidoto a questo mi passi il termine "schifo" o castrazione lenta e accolta senza rendersene conto. Ho 37 e come me ci sono altri che hanno diritto ad una vita emozionale e sessuale con una partner senza soffrire di una disfunzione non psicologica ma fisica neurologica e biochimica. Grazie in anticipo.

La risposta

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, sebbene L’effetto di tali farmaci possono dare problemi a lungo termine, adesso che sì è allontanato opportunamente dall’assunzione ripeta un assetto ormonale e una visita uro andrologica. Sicuramente si riuscirà a trovare una terapia per tornare ad avere una vita sessuale e serena

Domande correlate

Sono una parrucchiera,posso lavorare o rischio di peggiorare la situazione?

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, lavorare non peggiora la situazione, ma da come la descrive è necessario un trattamento chirurgico tempestivo, non tanto per le dimensioni dei calcoli che sono considerevoli, quanto per...

Vedi tutta la risposta

Ossalati di calcio

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, gli ossalati di calcio sono cristalli disciolti nelle urine che talvolta precipitano aggregandosi a formare i calcoli renali. Se lei non ha mai sofferto di coliche renali non si preoccupi...

Vedi tutta la risposta

PRESENZA DI EMAZIE, LEUCOCITI E CELLULE EPITELIALI SQUAMOSE NELLE URINE

avatar Urologia e Andrologia - Riccardo Galli Dott. Riccardo Galli

Gentile, la sua descrizione è accurata ma a omesso un dato fondamentale, cioè il suo sesso. L’urinocoltura negativa indica l’assenza di infezione delle vie urinarie batterica, tuttavia ci...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio