Problemi alla prostata in seguito a un tradimento subito

Buongiorno sono Francesco ho 44 anni e sono spostato da 20 con 3 figli. all'inizio del 2018 mia moglie mi ha tradito con uno sconosciuto e poi da luglio ha una relazione con un suo vecchio amico dell'adolescenza. In questo momento vivo ancora in famiglia anche se vorrei esserme andato già dal primo tradimento però lavoriamo insieme e le ristrettezze economiche non mi hanno permesso di andare. Lei però dice che mi vuole bene e che vorrebbe vivere con me al suo fianco però non riesce a lasciare la storia con il tipo perchè le fa provare sensazioni che non aveva mai provato (sessuali e non). In questo 2018 ho sofferto parecchio per il cambiamento che ha fatto perchè in 20 di matrimonio dove il sesso era vissuto molto male da parte sua ed era una costrizione soddisfare le mie normali esigenze, pensavo che fosse frigida. Ma a fine 2017 si è risvegliato in lei il desiderio sessuale che abbiamo vissuto con soddisfazione finchè qualche mese dopo mi ha tradito. A fine 2018 riscontro dei problemi alle vie urinarie, i sintomi sono quelli dell'infiammazione alla prostata. E' possibile che questo sia dovuto alle gravi sofferenze affettive e sessuali che ho vissuto e che sto ancora vivendo, visto che vivo ancora con lei? Adesso ho la possibilià di andarmene in affitto. Potrebbe migliorare la mia situazione fisica?

La risposta

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Io credo che sempre, anche se in presenza di incontestabili problematiche fisiche, vi sia una componente psicologica: o almeno un abbassamento delle normali difese immunitarie per lo stress subìto. Questo vale in generale, non è detto che sia la stessa cosa per ognuno di noi. In ogni caso, pensare ad un percorso di autonomia abitativa (nonché di chiusura di una vita comune che al momento non ha senso) potrà migliorare se non la situazione fisica almeno l’umore e la tranquillità. L’importante è che Lei mantenga o riprenda una vita sociale adeguata, se poi capiterà di frequentarsi saltuariamente potrebbe anche andare bene, considerando i figli o anche un normale e sincero rapporto. Ma è Lei che deve sentirsi libero.

Domande correlate

Diagnosi

Trattamento sostanza chimica

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Buongiorno. Purtroppo, i sintomi che Lei racconta fanno pensare ad un esordio psicotico, che deve assolutamente essere gestito e trattato in forma adeguata. Non penso che si tratti solo degli...

Vedi tutta la risposta

Ansia da prestazione

avatar Psicologia Dott. Alessandro Quadernucci

se lei la sta pensando tutti i giorni credo che voglia dire che non le basta il rapporto che avete e vuole di più.non so quali sono le regole che vi siete dati per il rapporto che avete ma credo...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio