Calo del desiderio sessuale

Sono mesi che non riesco a raggiungere l’orgasmo con il mio ragazzo, come metodo contraccettivo uso la spirale jaydess. Dopo averne parlato insieme non sappiamo più cosa fare tantè che stiamo valutando di consultare un sessuologo, anche se mi sembra assurdo doverlo fare visto che siamo una coppia giovane di 28 e 36 anni. All’inizio del problema davo colpa alle sue dimensioni perché ho sempre pensato che non ha la dimensione giusta per me visto che c’è anche una differenza di altezza notevole tra me e lui e quindi di dimensioni del corpo, poi ho capito che non era quello, anche perché non è che in due anni di storia non ho mai avuto l’orgasmo anzi. Ad oggi credo che dopo averne parlato insieme e dopo aver constatato che è un problema è che stiamo male per questa situazione, ormai quando iniziamo partiamo scoraggiati in quanto pensiamo subito di non riuscire ad arrivare a concludere bene il rapporto. Sono disperata perché non so più cosa fare. Non so se è dovuto dalla spirale che sono quasi due anni che ce l’ho, non so se è perché è finita la passione tra di noi, non so se è la vita lavorativa stressante di entrambi e la mancanza di tempo, non so se può essere la nuova dieta che sto facendo... le sto pensando tutte ma non trovo la soluzione e non so nemmeno da dove devo partire. Ci tengo molto a lui e non voglio buttare all’aria la nostra storia.

La risposta

avatar Psicologia Dott.ssa Patrizia Vaccaro

Carissima immagino il disagio e lo sconforto ma forse in questo primo menti più che concentrarmi sulle cause cercherei di affrontare il problema in se. Mi pare di capire che il sentimento ci sia da parte di entrambi. Possono capitare fasi della vita in cui ci sia un calo nella vita sessuale. Il rischio é di trasformare il rapporto sessuale in una prestazione o nella dimostrazione che qualcosa non funzioni.Quindi ripartiamo dall’inziio  Potreste dedicarvi del tempo per giocare con il corpo senza avere un rapporto completo,creando delle condizioni che facilitino un clima rilassato e coinvolgente. (Ad esempio non quando si ê troppo stanchi) Indibbiamente un atteggiamento ansioso r il rimuginino non sono buoni alleati per affrontare il problema. Un sessuologo potrebbe essere un aiuto ma solo se visto come tale e non come conferma che la situazione  sia disperata, ma come fonte di nuove risorse per affrontare questa fase delicata della vostra vita sessuale e aiutarvi anche a capire quali possono essere  le cause che hanno generato questa difficoltà. Un cordiale saluto dott. saa Patrizia Vaccaro 

Domande correlate

Amicizia o altro?

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Non resta che parlarne e capire davvero cosa provate l’uno per l’altra. Le interpretazioni spesso lasciano il tempo che trovano e sovente fanno prendere inutili cantonate.

Vedi tutta la risposta

Pensieri ossessivi

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Occorre un trattamento psicoterapeutico che individui se alla base di questa realtà ci siano pensieri ossessivi, un disturbo d’ansia o comunque una problematica che richiede un trattamento...

Vedi tutta la risposta

Malata di sla

avatar Psicologia Dott. Gabriele Traverso

Nella malattie più complesse, comprese quelle neurodegenerative, viene previsto da tutti i centri di cura un supporto psicologico. Si tratta infatti di acquisire un certo adattamento e consenta un...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio