hero image

Yogurt e latte fermentato: quali sono le differenze?

Il latte fermentato è un alimento diverso dallo yogurt. Scopriamo insieme le differenze e tutti i benefici per salute, linea e bellezza



di Serena Allevi


Sono in molti a pensare che latte fermentato e yogurt siano la stessa cosa. Ma non è così. Esistono, invece, differenze sostanziali tra questi due benefici alimenti, molto amati soprattutto dalle donne.


E a ragione: yogurt e latte fermentato sono ricchissimi di proprietà per la salute, per la linea e anche per la bellezza della pelle. Dunque, è consigliabile portarli in tavola ogni giorno. Prima, però, conosciamoli più da vicino.

Il ruolo chiave, per la salute e il benessere, lo svolgono due importanti alleati: fermenti lattici vivi e probiotici.

LATTE FERMENTATO

Cos'è il latte fermentato, di cui ultimamente si sente molto parlare? Si tratta di un vero e proprio alimento, di un latticino derivato dalla fermentazione del latte attraverso l'azione di alcuni microrganismi.

Lo yogurt è in sé un latte fermentato ma non vale il contrario. Ovvero, vi sono tipologie di latte fermentato che non sono yogurt. Il kefir è un altro esempio di latte fermentato.

Ma quali sono le proprietà del latte fermentato? Innanzitutto, si tratta di un alimento più digeribile del latte poiché il lattosio è in parte predigerito dagli stessi batteri responsabili della fermentazione. Inoltre, questo latte è un'ottima fonte di minerali, come il calcio, e di vitamine (per esempio, la vitamina D) preziose per la salute, la bellezza e la linea.

Ma arriviamo ai probiotici: si tratta di lattobacilli e bifidobatteri in grado, tra le altre cose, di regolarizzare la flora batterica intestinale (e, dunque, di attivare il corretto funzionamento dell'intestino), aiutare a rinforzare il sistema immunitario, contribuire a prevenzione e regressione di disturbi a carico dell'apparato uro-genitale e dell'apparato gastrointestinale.


LO YOGURT

Esiste una legge che indica quale tipo di alimento, con esattezza, si possa definire yogurt. Perché sia yogurt, quest'ultimo deve contenere due tipi specifici di fermenti: lo Streptococcus Thermophilus e il Lactobacillus Bulgaricus.

Consumare yogurt aiuta a preservare il benessere dell'intestino poiché aumenta la flora batterica "buona" che attacca i batteri negativi. Dunque, di riflesso, si innesca anche un effetto benefico a carico del sistema immunitario.

Lo yogurt è ricco di calcio e di vitamine preziose, inoltre è un'ottima fonte di proteine da inserire   quotidianamente nella dieta. In commercio, si possono trovare yogurt al naturale o con aggiunta di zucchero, aromi, frutta, cereali. Inoltre, lo yogurt può essere magro o intero, con o senza lattosio. Alcuni yogurt, infine, sono arricchiti con probiotici e, quindi, diventano potenti alleati per il benessere e per la prevenzione.

ACTIVIA: UNO SCRIGNO DI BENESSERE

Il latte fermentato può avere la "forma" dello yogurt, quindi una piacevole consistenza e un’ottima resa dal punto di vista del gusto, ma non essere un vero e proprio yogurt.

È il caso di Activia: non yogurt ma latte fermentato, che contiene ben 4 ceppi di preziosissimi fermenti. Tra questi ultimi, spicca il Bifidus Actiregularis®, brevettato ed esclusivo. Si tratta dell'ingrediente "magico" da cui nasce proprio Activia. Questo fermento, in sinergia con gli altri, svolge un'azione altamente benefica sulla salute dell'intestino. Prima di tutto, ne regolarizza le funzioni aiutando a equilibrare la flora intestinale grazie a 4 miliardi di probiotici del ceppo Bifidus Actiregularis.

Il consiglio è proprio quello di gustare Activia ogni giorno, per esempio a colazione insieme ad altri alimenti sani e dall'azione depurativa (frutta fresca e secca, cereali integrali, semi oleosi). O, ancora, come spuntino a metà mattina oppure a merenda.

UNA PELLE BELLISSIMA

Oltre a svolgere un'azione benefica sulla flora intestinale, i batteri buoni contenuti nel latte fermentato e nello yogurt migliorano visibilmente l'aspetto della pelle. Infatti, purificando l'organismo e aiutando a liberare l'intestino dalle scorie, i microrganismi "buoni" rendono anche la pelle splendente, più pulita e persino più giovane.

SALUTE E PROBIOTICI

Il consumo regolare di probiotici può aiutare anche nel caso siano presenti problemi di tipo digestivo. Inoltre, sia lo yogurt sia il latte fermentato sono digeribili e possono costituire un'ottima alternativa alla classica tazza di latte.

Nello specifico, si è analizzato anche l'effetto del consumo di probiotici (in questo caso in capsule) sull'infezione da Helicobacter Pylori: il batterio responsabile di varie forme di gastrite e dispepsia. Per trattare l'Helicobacter Pylori, è necessaria una specifica terapia antibiotica. Ma alcuni recenti studi tutti italiani hanno evidenziato che associare agli antibiotici anche i probiotici può migliorare notevolmente l'eradicazione del batterio riducendo gli effetti collaterali degli antibiotici.

Infine, è rilevante la correlazione tra consumo di alimenti ricchi di probiotici e miglioramento della funzionalità del sistema immunitario. Infatti, come sappiamo, è proprio nell'intestino che "abitano" le nostre difese. Non solo vitamina C, dunque: fondamentale è anche mantenere al top la flora batterica intestinale.