A A

L’uomo preferisce la donna intelligente

Cosa cerca un uomo in una donna? Secondo un biologo di Cambridge, intelligenza e fianchi larghi



0

«Il volume del seno non conta – afferma il professor David Bainbridge, biologo dell’evoluzione presso l'Università di Cambridge – E gli uomini non sono nemmeno alla ricerca di gambe lunghe. Le indagini hanno dimostrato come la maggior parte degli uomini preferisca una lunghezza nella norma e ponga attenzione piuttosto al fatto che le gambe siano dritte, un segno di salute genetica che risulta essere inconsciamente più attraente».

Insomma, lo stereotipo femminile rincorso e ambito da donne e ragazze dell’epoca contemporanea, sembrerebbe essere destinato a rivelarsi una falsa credenza utile solamente ad un illusorio successo.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Secondo il biologo di Cambridge infatti, gli uomini sarebbero più propensi ad apprezzare la simmetria del viso e del corpo (seno compreso, motivo per cui il volume passerebbe in secondo piano). Ma non solo.

«In primis, ciò che gli uomini cercano in una donna è l'intelligenza – spiega il professor Bainbridge – Le indagini hanno infatti dimostrato più e più volte che la capacità intellettiva è la prima cosa che gli uomini sondano, dal momento che l’intelligenza è considerata come un segnale del fatto che la donna è cresciuta in un contesto familiare positivo, motivo per cui sarà in grado di prendersi cura al meglio dei suoi figli».

E per apportare un ulteriore sconvolgimento all’immagine socialmente imposta di una donna longilinea e talvolta esageratamente magra, il professor Bainbridge aggiunge come gli uomini preferiscano una vita sottile accompagnata da cosce e fianchi ben accentuati.

«Un po’ di volume a livello delle cosce e dei fianchi – prosegue il professor Bainbridge – suggerisce come la donna abbia accumulato abbastanza riserve adipose durante la pubertà per esaudire in maniera adeguata le enormi esigenze del bambino che si prepara a crescere nel suo grembo».

Non a caso, lo sviluppo cerebrale di un neonato si baserebbe proprio sulle riserve di grasso materne accumulate a livello di fianchi e cosce, in particolare durante il periodo dell'allattamento: secondo diverse ricerche scientifiche infatti, la quantità di tali riserve potrebbe influenzare direttamente la possibilità di sopravvivenza e le capacità intellettive del bambino.

«Questo è anche uno dei motivi per cui le riserve adipose localizzate su fianchi e cosce risultano essere così difficilmente eliminabili – aggiunge il professor Bainbridge – Il corpo infatti cerca istintivamente di conservarle».

Insomma, la curvology di cui parla il professor Bainbridge (e che tratta più approfonditamente nel suo libro “Curvology: the Origins & Power of Female Body Shape”) tenta di riportare l’immagine del corpo femminile alla sua dimensione biologica e naturale, e di annullare così i filtri sociali e culturali imposti.

Senza dimenticare infine che l’odi et amo delle donne con le loro curve deriva da un semplice presupposto: non c'è forma perfetta del corpo femminile, ad eccezione di quella che non si ha.

Leggi anche

Perché gli uomini non corteggiano più

Banca del seme per tutelare la fertilità maschile

Incidenza della calcolosi renale

Sensualità e seduzione

5 consigli per sedurre sotto l’ombrellone

Il pinzimonio è il piatto della seduzione

Come riconquistare la tua sensualità dopo l’arrivo del bebè?

Pubblica un commento