A A

Vaccino antinfluenzale: perché è importante?

L’appello delle autorità sanitarie: il vaccino per l’influenza può salvare la vita



0

L’anno scorso, purtroppo, moltissime persone non si sono vaccinate anche a causa della notizia, poi rivelatasi infondata, che il vaccino antinfluenzale fosse contaminato e responsabile di diversi decessi.

Gli esperti, quest’anno più che mai, insistono sull’importanza del vaccino antinfluenzale, soprattutto nelle categorie a rischio, ovvero per quelle persone che, a causa delle proprie patologie, non possono permettersi di ammalarsi di influenza.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Come spiega la dottoressa Stefania Salmaso, direttrice del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della salute (Cnesps) dell’Istituto Superiore di Sanità, alla luce dell’isolamento dei ceppi influenzali che si diffonderanno a partire dall’autunno, «è una situazione inusuale, perché in genere i virus dell’influenza cambiano frequentemente, mentre per la prima volta lo stesso virus continua a tenere banco da cinque anni».

Anche quest’anno infatti, fra i ceppi identificati rientra AH1N1, isolato per la prima volta nel 2009 e rivelatosi come uno tra i più presenti e aggressivi, tanto che lo scorso anno ha causato quasi un terzo dei decessi e dei casi gravi dovuti all’influenza stagionale.

Bisogna anche considerare però che i virus influenzali tendono a rimescolarsi e a mutare di continuo, motivo per cui bisogna vaccinarsi preventivamente ogni anno.

Tutti gli anni si decide come formulare il vaccino influenzale in base ai ceppi che vengono isolati nel mondo: il lavoro è minuzioso, ma fare previsioni sulla virulenza dei ceppi che effettivamente si diffonderanno non è affatto semplice.

D’altra parte, il vaccino è l’unica arma disponibile per la prevenzione. Una febbre alta o una tosse che si complica in bronchite, può diventare letale per chi soffre di diabete o di altri disturbi cardiovascolari.

Il vaccino antinfluenzale, infatti, dovrebbe essere somministrato senza possibilità di deroghe ai pazienti affetti da malattie croniche dell’apparato respiratorio, con cardiopatie congenite, diabete e altre malattie metaboliche, malattie renali, malattie che comportano una soppressione della funzionalità del sistema immunitario (come l’AIDS, per esempio), ma anche per i pazienti in cura a lungo termine con acido acetilsalicilico.

Per quanto riguarda i dubbi sulla sicurezza del vaccino antinfluenzale, vale la pena riflettere su questi dati: la qualità dei vaccini viene controllata durante la produzione, prima dell’immissione in commercio e dopo.

Prima che vengano effettivamente immessi nel ciclo distributivo, inoltre, è d’obbligo verificare che soddisfino gli standard previsti dalle autorità internazionali (ovvero dall'Organizzazione Mondiale della Sanità) e in più, per quanto riguarda l’Europa, anche i criteri imposti dall’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA).

Leggi anche

Dormire aiuta a guarire dall'influenza

Tosse e bambini

Bimbi da 0 a 3 anni: le cure per risolvere coliche, insonnia e raffreddore

Prevenire è meglio che curare

Herpes labiale: prevenzione, cura e rimedi

Osteoporosi e prevenzione

Miopia, le soluzioni e come prevenirla

Pubblica un commento