A A

Tumori del cavo orale: 6 consigli per prevenirli

Fumo e alcol costituiscono i principali fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori del cavo orale



0

Numeri che fanno riflettere quelli relativi ai tumori del cavo orale: si stima che queste patologie colpiscano il 5% degli italiani, con 43.000 nuovi casi ogni anno in persone sempre più giovani.

La diagnosi di queste forme tumorali è quasi sempre tardiva, fattore che provoca ogni anno circa 8.000 morti. All’aumento dell’incidenza di tali tumori contribuisce anche la scarsa propensione degli italiani per le visite odontoiatriche.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di queste forme tumorali sono rappresentati sicuramente dal vizio del fumo e dell’alcol, ma al loro sviluppo contribuisce anche la scarsa igiene orale, lo scorretto posizionamento delle protesi dentarie, lo scarso consumo di frutta e verdura e le infezioni da papilloma virus (HPV), un virus trasmissibile per via sessuale.

I tumori del cavo orale mostrano un andamento in controtendenza rispetto agli altri carcinomi, il cui numero di casi va diminuendo: il dato lascia un po’ stupiti, anche perché i tumori del cavo orale dovrebbero essere facilmente diagnosticabili, non solo dallo specialista, ma i campanelli d’allarme sono numerosi e facilmente osservabili da ciascuno.

Bisognerebbe sempre guardarsi bene in bocca, tirando fuori la lingua quanto più possibile, soprattutto verificando che non vi siano macchie biancastre ai lati o posteriormente.

È bene accertarsi che sulla lingua non ci siano noduli o grumi; la lingua è la più colpita dai tumori della bocca nei non fumatori. È buona norma accertarsi che anche le guance e le labbra siano prive di macchie e noduli.

È bene esaminare anche il pavimento della bocca con le dita così come il palato, anche nelle parti molli per sentire se ci sono noduli o grumi; bisognerebbe palpare anche l’area del collo e della gola per capire se eventualmente sono i ingrossati i linfonodi, una possibile spia di qualcosa di serio.

Non va mai trascurato alcun inspiegabile dolore o bruciore della bocca, delle labbra, delle guance o della gola o difficoltà persistenti nella deglutizione e nella masticazione.

Come puntualizza la professoressa Antonella Polimeni, Direttore del Dipartimento Testa Collo del policlinico Umberto I, Sapienza Università di Roma, «il numero globale di nuovi casi è in aumento e la sopravvivenza a cinque anni resta attualmente ancora bassa. Per invertire il trend di incidenza è necessario far convergere le migliori energie sulla prevenzione, sulla diagnosi precoce e sul trattamento multi-specialistico».

Leggi anche

Igiene orale: diversa per ogni età

Cause, sintomi e soluzioni del Bruxismo

Adolescenti e denti sani: le linee guida in 10 punti

L'importanza della prevenzione

Germogli di broccoli contro il cancro al seno

Previeni l’osteoporosi con lo sport

Artrosi: prevenzione e cura cominciano a tavola

Pubblica un commento