hero image

Suffumigio: come si prepara

Questo antico rimedio è efficace per liberare il naso, calmare la tosse e respirare meglio. Scopri come si prepara

Foto: iStock



di Claudio Buono


Inalare vapori caldi non solo ti aiuterà a fluidificare il catarro e a espellerlo più facilmente», spiega Luigi Torchio, esperto di medicina naturale e omeopatia. «Riscaldando le vie aeree a 40 gradi e più, i virus diventano meno aggressivi ma, soprattutto, il sistema immunitario può combatterli con maggior successo, accelerando i tempi di guarigione».


LE REGOLE DA SEGUIRE

Da seduta, copri con un asciugamano testa e bacinella insieme (in modo che il vapore non sidisperda) ma lascia libero il volto (come nella foto in alto). Se non sopporti il calore, puoi anche  evitare di coprirti il capo.

«Avvicina il viso tenendo una distanza di circa 30 cm per evitare che il vapore irriti pelle e occhi. A palpebre chiuse comincia a respirare a fondo per circa 10 minuti, alternando naso e/o bocca. Al termine, attendi 10 minuti prima di scoprirti», consiglia l’esperrto


LA FREQUENZA IDEALE

Puoi utilizzare questo rimedio naturale anche tre volte al giorno: una volta la mattina, una il pomeriggio e una prima di andare a letto, fino a quando non avrai ottenuto un sensibile miglioramento.


LE CAUTELE CON I PIU’ PICCOLI

I suffumigi sono ok anche per i bambini, ma le loro mucose sono più delicate. «Meglio usare il vapore “puro”, aggiungendo 1 cucchiaino di bicarbonato e solo 2 gocce di olio di camomilla o di lavanda. Si fa un suffumigio per 5 minuti, mattina e sera, con la stessa tecnica utilizzata per gli adulti», conclude il dottor Torchio.


COME SI PREPARA

Servendoti di un bollitore elettrico o di una pentola da mettere sul fuoco, porta a ebollizione un litro e mezzo di acqua del rubinetto.

Versala lentamente, per non scottarti con eventuali spruzzi, in una bacinella di vetro o meglio ancora, di terracotta, che mantiene più a lungo il calore, magari preventivamente riscaldata sul termosifone. Infine, aggiungi il mix di oli essenziali più indicato per il tuo problema. 


GlI OLI DA USARE

- Per liberare il naso intasato: oli essenziali di timo, eucalipto, menta e pino mugo (2-3 gocce l’uno).

- Per fluidificare il muco che opprime gola e petto: oli essenziali di menta e timo (2-3 gocce l’uno).

- Per calmare la tosse: oli essenziali di eucalipto e cipresso (3 gocce l’uno).

- Per il mal di gola: oli essenziali di eucalipto, timo, pino mugo e tea tree oil (2 gocce l’uno).


UN CONSIGLIO IN PIÙ


«Per sciogliere il catarro, puoi aggiungere all’acqua anche un cucchiaio di bicarbonato, che le dà effervescenza, facilitando la liberazione dei vapori balsamici», suggerisce il dottor Luigi Torchio.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n.6 di Starbene in edicola dal 24/01/2017

Raffreddore: le cure tra verità e falsi miti

4 rimedi naturali per curare il raffreddore

Sinusite: i rimedi dolci

Tosse e mal di gola: cosa fare?

Il make up anti raffreddore