A A

SOS strappi muscolari

Ghiaccio, riposo e farmaci giusti. Ecco la formula per rimetterti in pista quando i muscoli fanno “strap”



0

di Valentino Maimone

Sono caratterizzati da un dolore intenso e molto localizzato, colpiscono soprattutto gli sportivi, ma anche chi fa attività fisica senza un adeguato ri­scaldamento. «Gli strappi muscolari di solito ri­guardano le gambe, solo in casi più rari il proble­ma interessa altre zone, come l’addome», mette in guardia Sergio Lupo, medico dello sport a Ro­ma. Ecco come intervenire.

Fermati subito e metti la gamba a riposo, solleva­ta rispetto al corpo. «Applica del ghiaccio e tienilo sulla parte più a lungo che puoi, anche per 12 ore, perché il freddo limita la formazione degli ematomi», specifica l’esperto. «Se invece lo strappo è a un musco­lo dell’addome, limita l’impacco freddo a 1-2 ore, altrimenti potresti complicare la digestione. Poi sdra­iati e posiziona 2 cuscini sotto la testa e altri 2 sotto le cosce, in modo che gli addominali non siano tesi».

Vai dal medico anche se l’infortunio sembra leggero. Solo lui può valu­tare l’entità della lesione, che può essere di 3 gradi. «Per fare una dia­gnosi precisa l’esperto ti prescrive­rà un’ecografia del muscolo, ma nel frattempo dovrai prendere un antinfiammatorio (per 5-7 gior­ni circa) e fare impacchi 2-3 volte al giorno a base di eparina. Se la lesione è di primo grado, per guarire ci vorrà un mese. «Dopo 7-10 giorni puoi ricomin­ciare a svolgere quasi tutte le attività, dopo circa 15, se il problema è al polpaccio, anche guidare e premere il pe­dale del freno», spiega il dottor Lupo. Se la lesione è di secondo grado le cure sono le stesse, ma per recupera­re servono almeno 2 mesi. In caso di rottura completa del muscolo (il terzo grado) la soluzione è l’intervento, con cui il chirurgo avvicina e sutura tra loro i due lembi di muscolo che si sono staccati. Dopo 3 settimane circa puoi cominciare ad appoggiare il piede, ma per recupe­rare completamente ci vorrà da sei mesi a un anno.

I rimedi verdi se il problema è lieve
Puoi contrastare il dolore e accelerare la guarigione con questi rimedi naturali consigliati dal dottor Luca Bertini, specialista in ortopedia a Pisa.

1 - Ribes nero. Ha un’azione antinfiammatoria efficace per tenere sotto controllo il fastidio (20 gocce di macerato glicerico, 2 volte al giorno, mattino e sera).

2 - Olio di chiodi di garofano. Contiene eugenolo, che riduce il dolore e abbrevia il recupero. Va applicato 2 volte al giorno, delicatamente e senza massaggiare.

3 - Zenzero. Grattugiato fresco, come tisana o estratto secco in capsule, combatte l’infiammazione.

4 - Gel all’arnica. Steso in modo delicato sulla parte riduce ematomi e infiammazioni. Conservalo in frigo: freddo sarà più efficace.

Articolo pubblicato sul n.26 di Starbene in edicola dal 16/06/2015

Leggi anche

Gli antidepressivi che non spengono il desiderio

Legionella: sintomi e cure

Ictus: gli strumenti per prevenirlo

A Natale fai del bene per star bene

Con 3 uova al giorno campi cent’anni

Menopausa e gravidanza: 4 cose da sapere

4 rimedi naturali per curare il raffreddore

Tiroide: le cure per riattivarla

Sms solidale contro l’abbandono degli animali e il randagismo

Meningite: vaccino sì o no?

Pubblica un commento