A A
hero image

Farmaci: le insidie del paracetamolo

È sempre più usato anche come antidolorifico, ma può intossicare il fegato e innescare allergie. Ecco il parere degli esperti

credits: istock



0

di Rossella Briganti

Medicinale da banco al top delle vendite, il paracetamolo è sempre più usato non solo come antipiretico (cioè per abbassare la febbre) ma anche come antidolorifico per combattere emicrania e mal di schiena, dolori mestruali, otiti, faringiti e mal di denti.

Ma dagli Stati Uniti arriva l’allarme: questa molecola, usata come panacea di tutti i mali, non è così innocua come sembra. Uno studio uscito il giugno scorso sul Journal of clinical and translational hepatology riferisce che negli Usa il 50% dei casi di intossicazione acuta del fegato sono dovuti a un’overdose di queste compresse, prese troppo alla leggera, che risultano responsabili anche del 20% dei trapianti di fegato per epatite fulminante.

«Già dal 2009 ricercatori dell’università dello Utah avevano scoperto che un metabolita del paracetamolo, chiamato N-acetil-para-benzochinone, si lega alle proteine del fegato danneggiandolo», spiega il dottor Salvatore Bardaro, docente di medicina integrata all’università di Siena e Pavia.

«Questa sostanza, infatti, consuma tutte le scorte di glutatione, il nostro più potente antiossidante e ne inibisce anche la sintesi da parte del fegato. Venendo a mancare questo meccanismo di difesa naturale, proprio nel momento in cui l’organismo è debilitato e febbricitante, si ha un’intossicazione del fegato che può essere acuta, in caso di megadosi assunte in pochi giorni, oppure cronica, in caso di piccole dosi prese quotidianamente per tenere a bada doloretti vari.

La cattiva abitudine di usare il paracetamolo di continuo, illudendosi che sia privo di effetti collaterali, va quindi sradicata se non si vuole andare incontro a progressiva insufficienza epatica». 

Per evitare i rischi da sovradosaggio già alla fine del 2013 la Food and Drug Administration ha cercato di correre ai ripari riducendo le confezioni di paracetamolo, vendute alla cassa dei super, e creando compresse da 325 mg accanto a quelle da 500 o 1000 mg usate anche da noi.

Un esempio seguito a ruota anche dalla Gran Bretagna. Ma qual è la dose-limite? «Ricoveri ospedalieri ed epatiti acute si hanno in genere oltre i 4 g al giorno», risponde Bardaro. «Ma è bene non superare mai i 2 g al dì, da prendere solo quando il dolore è insopportabile o la febbre supera i 39°».

NEI BAMBINI LE ALLERGIE

Risale al 2011 lo studio neozelandese coordinato da Julian Crage, del Wellington Asthma Research Group, che dimostra come i bambini che assumono paracetamolo prima dei 15 mesi (il 90%, nelle popolazioni occidentali) abbiano il triplo di probabilità di andare incontro ad asma e allergie entro i primi sei anni di vita. «Non c’è da stupirsi», commenta Manuela Papetti, pediatra a Segrate (Mi).

«Questa molecola aumenta l’infiammazione e il gonfiore delle mucose respiratorie e porta il sistema immunitario a reagire in modo anomalo, con il meccanismo tipico delle allergie. Per questa ragione è bene non superare la dose di 15 mg pro chilo, ogni sei ore al massimo». 

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n.40 di Starbene in edicola dal 20/09/2016

Leggi anche

Come agisce l'effetto placebo

Disturbi di stagione, prova la nutripuntura

Emicrania: curarla senza farmaci

Rilassati con la medicina omeopatica

Pubblica un commento