A A

Mal di schiena: liberatene con una corretta postura

Con pochi trucchi ci si mette al riparo da dolori lombari o cervicali. E persino l’autostima migliora



1

di Ida Macchi

Una buona postura salvaguarda la salute della schiena,mettendoti al riparo da dolori lombari o cervicali. E fa persino bene all’umore e all’autostima. È quanto emerge da uno studio della San Francisco State University. I ricercatori hanno dimostrato che esiste una relazione tra una visione più rosea della vita e un perfetto assetto della colonna vertebrale. Per questo, attenzione alle cattive posizioni che possono mandarlo in tilt. Ecco quelle più spesso in agguato e i consigli per rimediare, suggeriti da Stefano Mattu, medico sportivo e chiropratico dell’European school of Chiropractic.   


Fai la tua domanda ai nostri esperti

>La maxi bag sbilancia l’assetto della tua colonna, ma può provocarti anche un’infiammazione della membrana che avvolge l’articolazione della spalla. Per questo alleggerisci il contenuto della borsa, portala 15 minuti per lato ed effettua spesso questo esercizio: appoggia un braccio sul tavolo e fai dondolare l’altro come fosse un pendolo. Traccia dei cerchi, sempre più ampi, in un senso e nell’altro, per un paio di minuti. Ripeti sull’altro lato.

>Dormire sulla pancia, senza cuscino accentua la lordosi lombare e ti fa tenere sempre la testa girata su un lato. Rischi di svegliarti con una cervicalgia e/o un mal dischiena. Prova a dormire su un fianco o sul dorso. Se proprio non ce la fai, metti un cuscino sotto la pancia, così aiuti la tua colonna a mantenere un assetto più naturale.

> Passare molto tempo con il collo reclinato sul lavatesta del parrucchiere può provocare microspostamenti delle vertebre cervicali che potrebbero tradursi in una dolorosa contrattura. L’antidoto: effettuare lente flessioni del capo (sui lati e avanti), non appena finito il trattamento.

> Se tieni a lungo le gambe accavallate, crei una strozzatura all’inguine che rallenta la circolazione. Risultato: piedi e caviglie gonfie e pesanti. Per evitare sorprese, accavalla soltanto le caviglie e riattiva la circolazione, simulando con i piedi i movimenti che effettui per schiacciare freno e frizione quando sei alla guida dell’auto.

> Sollevare dei pesi da terra, inclinando il busto: un movimento ad altissimo rischio che può scatenare il cosiddetto “colpo della strega”, la dolorosa contrattura che immobilizza la parte più bassa della schiena. Per non rimanerne vittima, quando devi raccogliere qualcosa da terra piega sempre le gambe e, dopo averlo afferrato, sollevati caricando il peso del corpo su entrambi i piedi.

> A letto, con la testa sollevata su troppi cuscini, obblighi il collo a una posizione innaturale che manda in trazione le vertebre cervicali, rendendole doloranti. Occhio perciò all’altezza del tuo cuscino: quello ideale (in genere alto 20 cm) deve solo “colmare” il vuoto naturalmente esistente tra spalla e testa.

> Con i tacchi alti, cammini sulla punta dei piedi. Sposti automaticamente il bacino indietro e la pancia avanti, accentuando la curva lombare e rischiando un mal di schiena. Anche i muscoli della testa possono contrarsi per mantenerti in equilibrio e il risultato è una cefalea. La soluzione: riserva il tacco 12 per le serate importanti, in ufficio e sul lavoro indossa calzature con un tacco che non superi i 4 cm.

Articolo pubblicato sul n. 31 di Starbene in edicola dal 21/07/2015

Leggi anche

Stretching per la schiena

Mal di schiena in gravidanza: come fare

Bambini e schiena in salute

Schiena tonica in 4 mosse

Come migliorare la postura… dormendo

Pubblica un commento