A A

Herpes labiale: sintomi e cura

L’herpes labiale è causato da un virus insidioso. Scopri come si manifesta e come intervenire con efficacia



0

Quando compaiono le caratteristiche vescicole sul labbro, l'herpes labiale ha già colpito. Infatti, è importante fare attenzione ai primi campanelli d'allarme per poter intervenire in tempo evitando la formazione delle dolorose bollicine. Scopriamo insieme i sintomi dell'herpes labiale, come prevenirne un decorso aggressivo e i farmaci per curarlo.

I primi sintomi da riconoscere

Ancora prima che le vescicole affliggano le labbra, l'herpes labiale dà segnali decisamente riconoscibili. Tra questi, è bene fare attenzione a: pizzicore improvviso, sensazione di gonfiore, cambiamenti di consistenza del labbro, bruciore.

Si tratta, infatti, di campanelli d'allarme che indicano l'attacco virale. Il virus dell'herpes labiale è molto subdolo: una volta che se ne entra in contatto, non è più possibile debellarlo completamente ma solo prevenirne la manifestazione cutanea dolorosa. 

Virus latente

Perché non è possibile debellare completamente il virus dell'herpes? Semplicemente perché si tratta di un virus molto "furbo", che si nasconde nel nervo e lì resta latente anche per mesi. Infatti, il virus dell'herpes si contrae facilmente (bastano il contatto diretto e un piccolo varco nella pelle, come un'escoriazione cutanea o un taglietto) e resta nell'organismo per sempre.

Quando le difese immunitarie si abbassano, il virus esce dal canale del nervo e inizia a infiammare le cellule, provocando la formazione di siero e vescicole. Gli anticorpi si formano in 4 giorni circa ma, una volta arrivati in soccorso, non possono entrare nel nervo e il virus è al sicuro. 

La crema antivirale

Dunque, l'herpes labiale non si può eliminare dall'organismo ma, invece, se ne possono arginare i danni. L'importante è applicare una specifica crema antivirale (a base di acyclovir) ai primi segnali (pizzicore, gonfiore, bruciore) e continuare l'applicazione ogni 3 ore per 4 giorni.

La crema va utilizzata anche sulle vescicole già comparse. L'antivirale, infatti, non uccide il virus dell'herpes ma ne impedisce la continua replicazione. Il momento di massimo contagio è quando le bollicine si rompono, lasciando fuoriuscire il siero.

In questa fase, si può verificare anche una sovrainfezione batterica con formazione di pus. Se ciò accade, è necessario applicare una pomata antibiotica. 

Problema recidive

Vi sono casi in cui l'herpes labiale si manifesta con frequenza, anche tutti i mesi. Si tratta di recidive davvero fastidiose e difficili da gestire.

Ciò accade sopratttutto alle donne in concomitanza con l'arrivo del ciclo mestruale. In queste situazioni critiche, il medico può prescrivere anche una cura antivirale sistemica (pastiglie) in via preventiva

Il virus si sveglia quando sei debole

L'herpes labiale tende a colpire, risvegliandosi dalla sua latenza, quando le difese immunitarie si abbassano e gli anticorpi sono concentrati su altre emergenze.

Per esempio, in caso di: febbre, infezioni batteriche, infiammazioni, stress emotivo, stranchezza, ciclo mestruale, fase premestruale, cambio di stagione, overdose di sole. 

Ciclo mestruale, momento critico

Una delle situazioni tipo in cui si manifesta l'herpes labiale, è l'imminenza del ciclo mestruale. Da circa dieci giorni prima della presunta data di inizio delle mestruazioni, il corpo mostra segnali chiari e riconsocibili.

Tra questi utlimi, ritroviamo anche debolezza e difese immunitarie più basse. Lo stesso quadro di indebolimento si presenta anche durante il ciclo. In questi casi, è molto facile che il virus si risvegli e inizi a infiammare le cellule.

Oltre ad applicare la crema antivirale al manifestarsi dei primi sintomi, è importante concedersi riposo, evitare indiscriminate esposizioni solari e rinforzarsi dall'interno con l'alimentazione giusta (ricca di vitamine e minerali, tra cui lo zinco) ed eventualmente assumere specifici integratori. Inoltre, soprattutto nella fase finale dell’infezione, alla scomparsa delle croste, può essere utilizzato un prodotto cicatrizzante, contenente ad esempio Acido ialuronico sale sodico, per aiutare la guarigione.

Rinforzati anche dall'interno

Antiossidanti, perché ti fanno bene

Vitamina C, quando ricorrere agli integratori

Maqui: il super berry di lunga vita

Bacche di Goji: fonte di giovinezza

Pubblica un commento