hero image

Dolore pelvico: che cosa fare

Spesso questo disturbo impedisce alle donne di condurre una vita normale. Ecco perché è importante prestare attenzione al dolore, sin dai primi segnali. Per sapere quali sono i centri specializzati in Italia, leggi qui

credits: iStock



di Cinzia Testa


I dolori sono simili alla puntura di tanti spilli. Oppure a coltellate o, ancora, brucianti come fuoco. E si accompagnano al crollo del desiderio sessuale. È la condizione delle donne che soffrono di dolore pelvico cronico, un disturbo presente spesso, a volte costantemente, nelle persone che già soffrono di malattie come endometriosi, colon irritabile, cistite interstiziale. Sono tante le donne in questa condizione: circa 7,8 milioni, più o meno, una su quattro.

Sono tante ma spesso sono abbandonate a loro stesse. Secondo un’indagine svolta da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, trascorrono almeno sette mesi tra l’inizio della sofferenza e il primo consulto.

E, nel 30% dei casi ci vogliono tre o più visite da specialisti diversi prima di avere una diagnosi. Per aiutare le donne, fino al 28 ottobre c’è Open week: quattro ospedali (l’Azienda ospedaliera Giuseppe Moscati di Avellino, l’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il Presidio ospedaliero Giovanni Paolo II di Olbia e l’Aou senese di Siena), aprono le porte per consulenze, visite, esami gratuiti.


IL DOLORE VA TENUTO D'OCCHIO

Lo scopo di questa iniziativa è anche quello di fermare l’attenzione sul dolore. Se, infatti, è presente da almeno tre mesi non è più un segnale, ma una vera e propria malattia a sé. «Quando il dolore permane per tutto questo tempo, si crea un cortocircuito a livello delle strutture nervose», spiega Monica Sommariva, dirigente medico dell’Unità operativa di urologia e Unità spinale dell’ospedale G. Fornaroli di Magenta. «Oggi, per fortuna, abbiamo a disposizione un bagaglio di soluzioni e nuove strategie sempre più efficaci, che permettono a chi soffre di ritrovare una vita normale».

È fondamentale però rivolgersi a strutture specializzate, dove sono presenti più specialisti. E per chi non sa a chi rivolgersi, oppure non è nelle città dove c’è l’Open Week, può avere gli indirizzi dei Centri in Italia telefonando al numero 02/29015286.


UTILE SCRIVERE UN DIARIO DEL DISTURBO

Un consiglio. Prima dell’appuntamento con lo specialista è utile ricostruire la storia del proprio dolore, con qualche appunto. È questo, infatti, un passo molto utile per favorire la diagnosi. Le informazioni più importanti? Com’è il dolore, in quale zona dell’addome è localizzato, se peggiora con i rapporti sessuali, e se sono presenti altri sintomi, per esempio, infiammazioni all’apparato ginecologico, stimoli continui e impellenti ad andare in bagno.

Sì anche alla descrizione del proprio ciclo mestruale, se si assumono contraccettivi, se c’è stato un aborto, oppure una gravidanza e in tal caso com’è avvenuto il parto.

Infine, è utile mettere “nero su bianco”, i disturbi precedenti all’inizio del dolore cronico, come malattie sessualmente trasmesse, sindrome del colon irritabile.

ottobre 2016

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Leggi anche

Endometriosi: le novità per curarla

Colon irritabile: cause e rimedi

Colon irritabile: cosa mangiare e cosa evitare

Cistite: sintomi, cause e rimedi

Curare la cistite con i mirtilli