A A

Diete sconsiderate e danni alle ossa

Una dieta sbagliata, magari fai-da-te, non solo può risultare inefficace, ma talvolta persino danneggiare le ossa e la salute dello scheletro



0

Quando si parla di rarefazione ossea, il collegamento più immediato è quello con l'osteoporosi e l'immagine che si prefigura è quella di una signora anziana, un po' curva su se stessa e timorosa di cadere: raramente si pensa che tutte le donne alte e magre o che perdono rapidamente e drasticamente molti chili (come può succedere dopo un intervento di chirurgia bariatrica) sono a forte rischio di fragilità ossea, ovvero di procurarsi una frattura anche a seguito di un trauma apparentemente lieve.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Quando si avvicina la primavera, ci si libera di maglioni e cappotti e si nota il girovita lievitato, il primo istinto è quello di correre ai ripari, costi quel che costi, intraprendendo una dieta drastica e magari sbilanciata: questo atteggiamento, tanto comune quanto avventato, può ripercuotersi molto negativamente sul metabolismo osseo.

Basti pensare che è sufficiente un calo ponderale del 10% per determinare una riduzione fino al 2% nella massa ossea; le donne con un indice di massa corporea di 19-20 sono a rischio osteopenia già dall'età adulta e con l'avvicinarsi della vecchiaia la situazione può solo peggiorare.

L’osteopenia è un fenomeno che interessa anche le donne che, a causa della loro obesità, si sottopongono a interventi di chirurgia bariatrica.

Gli studi prospettici a disposizione hanno sottolineato come le donne che si sottopongono a tali interventi possono evidenziare perdite di massa ossea fino al 5% sia in sede femorale che vertebrale: tutto questo perché l'intervento determina un calo di peso brusco, provoca un'alterazione nell'assorbimento di alcuni elementi come il calcio e induce un generale cambiamento nel normale assetto ormonale.

Come spiega il Professor Andrea Giustina, Ordinario di Endocrinologia all’Università degli Studi di Brescia e Presidente del Gioseg, il gruppo di lavoro di Specialisti Endocrinologi che si dedicano allo studio dello scheletro, «il meccanismo per cui le donne che si sottopongono a diete molto rigide mettono a rischio lo scheletro è riconducibile a diversi fattori: pochi sanno ad esempio che la sintesi di osso nuovo viene indotta da uno stimolo meccanico da parte dei muscoli e che quindi la perdita di massa muscolare diminuisce questa sollecitazione positiva».

«Il grasso è correlato a due importanti ormoni chiamati adipochine, produce la leptina che sembra abbia un’azione positiva sullo scheletro, ed è invece inversamente proporzionale all’adiponectina, che quando il grasso diminuisce stimola le cellule ossee a riassorbire l’osso riducendone la massa – continua il professor Giustina – Va considerato, infine, l’effetto della dieta e della perdita di peso sulla produzione di ormoni sessuali, gli estrogeni, che sono importanti per la buona salute delle ossa».

Leggi anche

Il tè per ridurre il rischio fratture

Rischio frattura per un over 50 su 5

Stop alle fratture, specie d’estate

Perdere peso in salute

Dimagrire con un'alimentazione sana

Dimagrire: cinque errori da evitare

Per dimagrire, meglio non saltare i pasti

Pubblica un commento