A A

Contro i disturbi della menopausa prova gli isoflavoni

Quando l’orologio biologico segnala la fine dell’età fertile, la donna si trova ad affrontare una perdita di equilibrio nel ritmo sonno-veglia e nell’umore, oltre a sperimentare vampate di calore e sudorazioni improvvise. Efficaci fattori di stabilità naturali sono i fitoestrogeni, ormoni di origine vegetale la cui assunzione è priva di effetti collaterali



0
hero image

credits: iStock


Sudorazioni notturne, vampate di calore, tono dell’umore “ballerino”, secchezza vaginale, sbalzi di pressione, alterazione del peso corporeo: questi i disturbi più frequenti della menopausa (e anche della peri-menopausa, che la precede). La moderna ricerca fitoterapica ha individuato in alcune piante l’esistenza di sostanze, gli isoflavoni, detti anche fitoestrogeni, in grado di simulare l’azione degli estrogeni umani; essi hanno un’azione più blanda ma del tutto naturale, perché le loro strutture molecolari sono molto vicine a quelle degli estrogeni femminili che vengono a mancare in menopausa e non presentano le controindicazioni degli ormoni chimici di sintesi.


LE PIANTE AMICHE IN MENOPAUSA

Esistono numerose piante ricche di isoflavoni utili, ma le più conosciute sono: la soia, Il trifoglio rosso e il kudzo o Pueraria lobata. Gli estratti di queste piante sono ampiamente usati come supporti fitoterapici alla menopausa. La soia, in particolare è molto apprezzata per le sue notevoli proprietà nutrizionali e dietetiche, soprattutto nei Paesi orientali. Qui, dove viene consumata quotidianamente e per tutta la vita, si è osservata una bassa incidenza di disturbi legati alla menopausa e all’osteoporosi e all’ipercolesterolemia.


FLORA BATTERICA INTESTINALE SOTTO CONTROLLO

Quando si assumono isoflavoni di soia è importante far sì che la flora batterica intestinale sia efficiente, poiché le molecole degli isoflavoni sono molto grandi e devono essere scisse per essere assimilate, per mezzo delle glicosidasi, enzimi che vengono prodotti proprio dalla flora batterica intestinale; perciò è utile integrare l’assunzione di isoflavoni con fermenti lattici probiotici specifici e con sostanze prebiotiche, che arricchiscano la flora batterica intestinale: si otterrà in questo modo una miglior assimilazione dei principi attivi e quindi una loro migliore efficacia, oltre a evitare fenomeni di gonfiori intestinali.


LA MELATONINA

Un’accoppiata vincente? Isoflavoni e melatonina. Questo ormone, naturalmente prodotto dal nostro organismo, è in grado di regolare il ritmo sonno-veglia. Un suo apporto giornaliero bilanciato è utile per riequilibrare i circuiti neuroendocrini e i ritmi circadiani e favorire così un rapido addormentamento.
Inoltre, congiuntamente agli isoflavoni, aiuta a contenere i frequenti risvegli dovuti alla sudorazione notturna, tipici della menopausa.


SOTTO LA LENTE

Gli isoflavoni si sono rivelati utili per fronteggiare i sintomi spiacevoli della menopausa soprattutto nella fase iniziale del fenomeno. Importante perciò assumerli subito, alle prime avvisaglie. Anzi, sull’esempio delle donne orientali, conviene fare il pieno di queste sostanze già a partire dai 40 anni, così da prevenire i problemi.

Scarica subito la guida con tutti i consigli per la salute del tuo intestino

(Realizzato in collaborazione con Guna)


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Leggi anche

Abbassa il colesterolo con il riso rosso fermentato

Fegato affaticato: l'estratto suino è il toccasana per aiutarlo

Carenza di ferro? Combatti così l'anemia

Digestione difficile? Aiutala con gli enzimi

La nuova scienza che rimette in piedi l'intestino

In regalo una guida alla salute dell'intestino

Sulla menopausa

Sesso in menopausa: 5 cose da sapere

Sport e menopausa: quale attività fisica?

La menopausa? Una fase della vita come un’altra

Menopausa: come evitare i disturbi più comuni

Secchezza vaginale: i nuovi rimedi

Pubblica un commento