A A
hero image

Celiachia: il nuovo test rapido

Particolarmente indicato per i bambini, il test sulla saliva permette di individuare l’intolleranza al glutine e ottenere una diagnosi precoce. Scopri come funziona e e dove farlo

Foto: iStock



0

Gonfia le guance, sputa forte in una provetta e il gioco è fatto. Matteo, 5 anni, tra una settimana saprà se soffre di celiachia, l’intolleranza al glutine che colpisce un bambino su 80. È il test sulla saliva, finora sperimentato in alcune scuole elementari di Roma, Brescia e Palermo, e ora proposto nell’ambito di una campagna di screening dal Policlinico Umberto I di Roma per diagnosticare sul nascere questa diffusa e misconosciuta malattia che non sempre si manifesta con sintomi espliciti. 

«Nel 30% dei casi, la celiachia provoca disturbi che passano quasi inosservati: pancino gonfio, pallore, astenia e inappetenza», spiega Salvatore Cucchiara, direttore della gastroenterologia ed epatologia pediatrica del Policlinico Umberto I che, in collaborazione con Mariposa per celiaci (onlus formata da pazienti e operatori socio-sanitari), ha dato il via alla campagna.

«Nel 70% dei casi, invece, il bimbo manifesta perdita di peso, diarrea, vomito, dolori e gonfiori addominali. Tutti sintomi che fanno sospettare l’intolleranza al glutine. Trascurarli, può portare a problemi seri: deficit nell’accrescimento, diabete giovanile, artrite reumatoide, tiroidite autoimmune e fratture da osteoporosi precoce».


Particolarmente indicato per i bambini, che mal sopportano un prelievo di sangue (ma possono eseguirlo anche gli adulti), il test sulla saliva è attendibile al 90%, come dimostrano gli screening fatti nelle scuole.

«Consiste nel rilevare la presenza degli anticorpi anti-transglutaminasi, che si alzano in presenza di questa intolleranza», prosegue il professor Cucchiara. «Ma attenzione! Se il bambino risulta positivo agli anticorpi, non significa automaticamente che è celiaco.

In caso di positività, occorre confermare l’esito con un test sul sangue, utile a dosare tre “marcatori biologici”: gli anticorpi anti-transglutaminasi (di cui viene dosata l’esatta concentrazione), gli anticorpi anti-endomisio e i geni dq2 e dq8, associati alla malattia. Quello della saliva è quindi un test di screening, rapido e per nulla invasivo, che permette di fare una prima selezione dei bambini potenzialmente celiaci».

Viene caldamente raccomandato a tutti quelli che manifestano disturbi gastrointestinali, a chi cresce poco e a chi ha parenti di primo grado celiaci. Se la mamma, il papà, il fratello o una sorellina sono intolleranti al glutine, infatti, in un caso su quattro lo sarà anche il piccolo.


TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI

➔«Nella saliva le “spie” della celiachia sono 40 volte inferiori rispetto al sangue», dice Margherita Bonamico, già docente di pediatria all’università La Sapienza di Roma e presidente dell’associazione Mariposa per celiaci onlus. «Per questo utilizziamo un metodo che, marcando gli anticorpi con isotopo radioattivo, fa salire la sensibilità del test al 90%».

➔Previo appuntamento, la mamma si presenta con il bimbo alla nostra sede del Policlinico Umberto I, meglio se al mattino (non è necessario che sia a digiuno). Fa il test e dopo 7-10 giorni ha l’esito. In cambio, si può fare una donazione volontaria di 10 €

➔Prossime date? 29 settembre, 24 e 27 ottobre e 22 dicembre. Per appuntamento, tel: 06-49970612 o inviare un mail a Mariposa. L’iniziativa è aperta anche agli adulti.


Fai la tua domanada i nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 39 di Starbene in edicola dal 13/09/2016

Leggi anche

Celiachia, la ricerca fa passi in avanti

Sensibilità al glutine non significa celiachia

Celiachia: i nuovi test diagnostici

Intolleranza al lattosio: sintomi, cause, test, rimedi

Intolleranza al nichel: cos'è e come si cura

Pubblica un commento