A A
hero image

Viaggiare spensierati… senza fastidiosi problemi

A causa del caldo estivo in alcuni casi le emorroidi possono peggiorare: il caldo aumenta la vasodilatazione e, di conseguenza, anche i vasi emorroidari possono gonfiarsi e provocare dolore



0

A causa del caldo estivo in alcuni casi le emorroidi possono peggiorare: il caldo aumenta la vasodilatazione e, di conseguenza, anche i vasi emorroidari possono gonfiarsi e provocare dolore.


I lunghi viaggi in auto o in moto possono favorire l’insorgere di problemi legati alle emorroidi: stare seduti per molte ore senza la possibilità di alzarsi o muoversi, può alterare la circolazione sanguigna e favorire la formazione delle emorroidi. Non solo, ma il caldo accumulato sui sedili di un’auto o di una moto rimaste a lungo sotto il sole, può provocare un edema, cioè un gonfiore, nella zona intorno all’ano e peggiorare la sensazione di bruciore e fastidio.

La stipsi, che spesso insorge al cambiamento delle abitudini quotidiane, può causare la formazione di piccole ragadi anali associate allo sforzo eccessivo.


Cosa fare?

Organizziamo, quindi, il nostro viaggio pianificando soste per brevi passeggiate, facili escursioni, ginnastica in acqua, ricordandoci di rinfrescarci con frutta (fonte anche di fibra) e acqua.

Favorire un’alimentazione ad alto contenuto di fibre, completata con l’assunzione di acqua, aiuta la formazione di feci abbondanti e morbide.


I sintomi associati alle emorroidi, ragadi anali e proctiti possono essere alleviati riducendo lo sfregamento durante l’evacuazione e idratando opportunamente la zona ano-rettale con prodotti contenenti acido ialuronico e colostro.

L’acido ialuronico, infatti, garantisce il giusto grado d’idratazione e, applicato localmente, favorisce il processo di riepitelizzazione della cute e delle mucose, importante per ripristinare l’integrità della mucosa anale in caso di lesioni. Inoltre, svolge un’azione lubrificante che riduce il dolore da sfregamento durante l’evacuazione.

L’uso topico del colostro ne ha dimostrato la sua azione protettiva verso la cute e le mucose compromesse.

Pubblica un commento