A A

I vantaggi della nuova pillola anti-fumo

È efficace come le altre ma costa poco e la terapia dura meno di un mese. Inoltre è sicura e ben tollerata



di Ida Macchi

Si chiama citisina ed è una molecola che può aiutarti a dire addio alle sigarette. «Appena arrivata nelle farmacie italiane, è una sostanza estratta da alcune piante ma, principalmente, dal cytisus laburnum, noto come maggiociondolo», spiega Pierluigi Diano, pneumologo e medico di medicina generale a Milano. «Agisce sugli stessi recettori utilizzati dalla nicotina per creare dipendenza, “spiazzandoli”, favorendo così una graduale riduzione del desiderio di fumare e dei sintomi di astinenza». La sua efficacia è stata confermata
da diversi studi scientifici fra i quali il più qualificato e recente è quello del professor Witold Zatonski del Cancer Center & Institute of Oncology di Varsavia, pubblicato sull’autorevole rivista scientifica New England Medical Journal. La ricerca ha dimostrato che, a un anno dalla fine della terapia, la percentuale di chi aveva detto addio al fumo era pari a quella che si raggiunge con i principi attivi attualmente a disposizione per smettere di fumareLa citisina si assume per bocca, in compresse o capsule, che vengono preparate direttamente in farmacia, secondo le indicazioni del medico che stabilisce qual è il dosaggio e lo schema terapeutico più adeguato, soprattutto in base al numero delle sigarette fumate», spiega Diano.

Il nuovo farmaco ha due marce in più rispetto alle altre molecole. La preparazione fatta dal farmacista permette una netta riduzione dei costi (circa 32 e per l’intero ciclo, rispetto ai 200-400 e per altri farmaci). Anche la terapia è più breve: 25 giorni rispetto ai canonici 2-3 mesi. La nuova molecola, inoltre, è sicura e ben tollerata e, alle dosi indicate dal medico, non dà disturbi. È controindicata in caso di gravi malattie del cuore, ipertensione moderata-grave, aritmia, gravidanza.

I FARMACI GIÀ A DISPOSIZIONE
BUPROPIONE: è un farmaco antidepressivo della famiglia degli SSRI specifico per la disassuefazione. Va prescritto dal medico. Durata della cura 2-3 mesi. E ffetti indesiderati: insonnia e secchezza della bocca.
VARENICLINA: è un derivato di sintesi dalla citisina. Agisce sulle stesse centraline cerebrali cui si lega la nicotina, alleviando i sintomi della voglia di fumare non soddisfatta. Induce anche il rilascio di dopamina, riducendo la gratificazione connessa al fumo. Va prescritta dal medico e assunta per almeno 3 mesi. Effetti collaterali più ricorrenti: nausea, insonnia e mal di testa.

Per dire stop esistono tecniche e gruppi di sostegno psicologico da affiancare alla terapia. Su airc.it dell’Associazione italiana ricerca sul cancro, basta digitare nel “cerca” “smettere di fumare per avere tutte le informazioni. Stessa cosa se lo fai su salute.gov.it del Ministero della Salute.

Leggi anche

Telemedicina: cos’è e come funziona

Sclerodermia: che cos’è e come si cura

Presbiopia: la ginnastica che la rallenta

Meningite: cosa prevede il nuovo piano vaccini

Sindrome premestruale: come combatterla con la pillola

Il nuovo peeling che elimina l’acne

Siti d’incontro: c’è una guida che ti aiuta

Melatonina: mini guida alla scelta

Dolori articolari? Prova a dimagrire

Mese del cuore, chek up gratuiti contro i rischi cardiovascolari