A A
hero image

Flash mob a Milano perché l’incontinenza maschile non sia un tabù



Il viavai frenetico della stazione ferroviaria Garibaldi di Milano. Viaggiatori in arrivo e passeggeri in partenza che consultano il tabellone degli orari. Un capotreno risponde alle richieste dei passanti, l'addetto alle pulizie abbraccia la scopa sulle scale dell'ingresso... E improvvisamente le note Hot Stuff di Donna Summer, colonna sonora del musical Full Monty, risuonano per la stazione e fanno ballare tutti, secondo una coreografia, finché un gruppo di dieci uomini si spoglia esibendo con sicurezza e fierezza la biancheria intima.

È questo il flash mob ideato da TENA per richiamare l'attenzione sul tema dell’incontinenza urinaria maschile, spesso erroneamente sottovalutato rispetto a quella femminile. Il disagio riguarda circa 1 milione di uomini italiani con un’incidenza tra il 2 e il 10% sopra i quarant'anni. La campagna dal nome accattivante "Solo tu sai che" (hashtag per i social network #solotusaiche) vuole togliere tabù e uscire dai cliché di una comunicazione "sotto voce" da troppo tempo associata a tale tematica: il sito internet www.solotusaiche.it offre elementi utili e informativi volutamente studiati da uno specialista per aiutare e guidare gli uomini nella gestione quotidiana delle perdite urinarie e sensibilizzarli sull'importanza della prevenzione.

“Si parla sempre poco e mal volentieri di incontinenza urinaria maschile e sono ancora una minoranza gli uomini che decidono di confidarlo e di chiedere un aiuto", commenta Andrea Militello, specialista in Urologia. "Uno strumento di informazione online affidabile, credo rappresenti un supporto di grande valore, e la scelta di utilizzare un indirizzo web non direttamente riconducibile a questo tipo di disturbo avrà un effetto rassicurante per ridurre quell’imbarazzo e inadeguatezza che accomuna molti. Questo rappresenta un primo passo importante per affrontare più serenamente gli inconvenienti dovuti alle perdite impreviste".