hero image

Farmaci antiacidi: i rischi del fai da te

Aiutano a combattere il reflusso gastroesofageo, ma vanno assunti sotto controllo medico. Scopri quando sono necessari

credits: iStock




I farmaci antiacidi più famosi per combattere il reflusso gastroesofageo, gli inibitori della pompa protonica (Ppi), hanno conquistato la notorietà proprio grazie alla loro efficacia: spengono in fretta quel dolore terribile che l’acido prodotto dallo stomaco provoca risalendo nell’esofago.

«Il rovescio della medaglia è che spesso se ne abusa, mettendo a rischio la salute», commenta Marco dal Fante, gastroenterologo responsabile del servizio di endoscopia di Humanitas Pio X di Milano. «Su questo punto è intervenuta l’Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti ospedalieri (Aigo) con dati preoccupanti: un paziente su 2 assume gli inibitori senza averne bisogno.

Il problema? Si è rilevato un aumento delle segnalazioni di eventi avversi da uso prolungato di Ppi, fra i quali l’osteoporosi, per ridotto assorbimento del calcio, o lo sviluppo di polipi gastrici fundici, delle specie di cisti per fortuna non precancerose, ma da controllare».

Che fare? «Questi farmaci vanno prescritti dallo specialista dopo aver valutato se fare una gastroscopia e verificato che non ci sia una infezione da Helicobacter da eliminare preventivamente», spiega dal Fante. «Una volta prescritti, vanno presi solo per il periodo segnalato dal medico, non all’infinito o per conto proprio».



Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 26 di Starbene in edicola dal 13/07/2017

Leggi anche

Reflusso gastroesofageo: cause e rimedi

Bruciori di stomaco? Analizza il pH gastrico

Pillola dei 5 giorni dopo

Pillole per dimagrire: quali accorgimenti?

Medico di base: le nuove regole