A A
hero image

Lega del filo d’oro: #nonlasciomaraddoppio



0

Il nuovo Centro sarà una struttura all'avanguardia in Europa e accorperà in un unico luogo tutti i servizi, gli ambulatori, gli uffici e le residenze attualmente distribuiti nel territorio di Osimo.


L'obiettivo è quello di realizzare una struttura progettata appositamente per le persone sordocieche, grazie alle competenze maturate in 50 anni di esperienza. Un complesso accogliente, funzionale, ben inserito nell'ambiente, all'insegna dell'efficienza energetica e dell'innovazione, che possa ospitare 80 persone a tempo pieno e 20 per la degenza diurna, con ambulatori medici, laboratori, aule didattiche, palestre, piscine e posti letto per i familiari.


Il nuovo centro, oltre ad avere più posti a disposizione, permetterà di migliorare la qualità dei servizi. Il Centro Diagnostico, ad esempio, primo incontro degli utenti con la Lega del Filo d'Oro, sarà più grande e organizzato: qui gli specialisti verificheranno le abilità del singolo e la risposta agli stimoli per elaborare, insieme alle valutazioni di carattere medico scientifico, il percorso di ciascuno.


L’Area Sanitaria sarà composta da 14 ambulatori in cui il personale sanitario ed i medici professionisti effettueranno valutazioni e controlli periodici.
Le famiglie che si rivolgono all'Associazione hanno già sottoposto i loro figli a visite specialistiche per le singole disabilità. Ciò che trovano arrivando alla Lega del Filo d'Oro è invece un quadro completo delle potenzialità residue e degli obiettivi da raggiungere.
Quest’area è fondamentale: qui vengono effettuate le primissime valutazioni delle abilità residue di tutti gli ospiti del centro, anche dei bambini piccolissimi da 0 a 4 anni che arrivano dal Centro Diagnostico.


Nuovi spazi pensati ad hoc anche per l'attività educativo-riabilitativa, una serie di interventi altamente specializzati che vengono definiti in modo personalizzato per ogni ospite, in costante rapporto con la famiglia. Ci saranno aule per le attività didattiche, laboratori occupazionali per l'esercizio di attività manuali, aule con ausili tecnologici per potenziare le capacità comunicative e aule per la riabilitazione sensoriale, oltre a palestre e piscine per la riabilitazione motoria.


Il progetto è importante e rappresenta un grande sforzo: a sostenerlo c'è, come da tanti anni a questa parte, lo storico testimonial della Lega del Filo d'Oro, Renzo Arbore, insieme all'attore marchigiano Neri Marcorè che del suo primo incontro con le persone sordocieche seguite dall’Associazione dice: “ E’ stata un’emozione indescrivibile. Prenderli tra le braccia, vedere accendersi un sorriso sui loro volti, mi ha fatto capire la potenza delle vita e dell’amore. In ognuno di noi c’è un tesoro che può essere scoperto con l’attenzione e la cura, con uno sguardo vero e intimo verso l’altro. E quanto più è difficile scoprire questo tesoro tanto più è prezioso e sbalorditivo”.

Dopo 50 anni, la Lega del Filo d’Oro non lascia, ma raddoppia: raddoppia il suo impegno, i suoi sforzi, ma per realizzare il nuovo Centro Nazionale c'è bisogno dell'aiuto di tanti. Anche del tuo! 

E’ il momento di raddoppiare!

Pubblica un commento