A A

Sonno: i bambini italiani non dormono abbastanza

Sistema immunitario più debole, difficoltà e distrazione a scuola, rischio di sovrappeso. Ecco che cosa succede ai nostri figli se dormono troppo poco



0

di Cinzia Testa


Com’è il sonno dei bambini italiani? Così così, verrebbe da dire, leggendo i risultati del progetto “Ci piace sognare”. Dai dati raccolti esaminando 2030 bambini è emerso che uno su tre, nell’età compresa tra uno e quattordici anni non dorme come stabilito dalle raccomandazioni della National sleep foundation, l’ente americano che si occupa dei disturbi del sonno. Vale a dire, 11-14 ore nella fascia di età tra uno e tre anni, 10-13 ore tra i tre e i cinque anni, 9-11 ore tra i sei e i 13 anni.

Eppure il sonno è importante per il benessere psicofisico del bambino. «Gli effetti della mancanza di un sonno regolare sono numerosi», spiega Giuseppe Di Mauro, presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale. «Si va da un aumento del rischio di sovrappoeso e obesità, al maggiore pericolo di malattie per una ridotta reazione del sistema immunitario». Per non parlare poi del rendimento scolastico, che si abbassa drasticamente, con difficoltà soprattutto in matematica, scienze, lingue e in generale quando si tratta di concetti astratti. «Dai risultati dell’indagine è emerso inoltre che la durata del sonno è minore quando il bambino guarda un video prima di addormentarsi oppure ha la televisione in camera. Cosa che fa il 65 percento dei bambini tra i tre e i quattro anni e il 40 percento dei bimbi tra uno e due anni», continua l’esperto.

Ma quali sono le giuste regole da seguire perché i figli facciano sonni appaganti? Eccole.


26 febbraio2016

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Terminare la cena almeno due ore prima di coricarsi: se il corpo è impegnato nella digestione, è più difficile addormentarsi. E naturalmente è bene fare una cena leggera, senza chips, salse o altri alimenti che possono appesantire. Poi va bene un cartone, ma a partire da un’ora prima di andare a letto, non lasciar giocare i bambini con tablet o computer, che eccitano e non favoriscono il relax.

Bere una tisana calda, dolcificata con il miele: adatta anche ai bambini, ha un grande effetto rilassante ed è la coccola giusta per conciliare il sonno. 

Fare in modo che i bambini vadano a dormire sempre alla stessa ora: stabilire una routine è molto importante per un ritmo del sonno fisiologico.

Aiutare il proprio figlio a rilassarsi: se è piccolo, raccontargli una favola. Altrimenti, fai in modo che cominci a leggere qualche pagina di un libro tutte le sere. Fondamentale, poi, anche spegnere o spostare dalla stanza apparecchi come computer, televisione, tablet e cellulari. Gli studi più recenti confermano che la tecnologia stimola troppo l’attività cerebrale, non favorendo un riposo ideale.

Leggi anche

Se i bambini non sanno scrivere, occhio ai tablet

Fare sport migliora la qualità del sonno

I cibi per dormire bene

La posizione in cui dormi ti fa bene?

Pubblica un commento