A A

Usa bene i correttori

Impara i trucchi per nascondere difetti e imperfezioni. Bastano quattro mosse per ridare luminosità all’incarnato e ottenere un viso luminoso



1

Un brufolo che spunta all’improvviso. Le occhiaie dopo una serata in discoteca. La couperose che si manifesta con gli sbalzi di temperatura: corri ai ripari con il correttore giusto. Puoi scegliere non solo la texture (cremosa per le imperfezioni difficili, liquida per quelle lievi, in stick per i ritocchi fuori casa), ma anche l’applicatore: il pennellino piatto consente un trucco professionale, la spugnetta sottile è molto precisa.

Una piccola opera d’arte

Il segreto per nascondere le imperfezioni in maniera naturale è la cura nell’applicazione del correttore. Inizia con una piccola dose di prodotto e sfumalo picchiettando con i polpastrelli per evitare stacchi di colore tra la zona trattata e il resto del viso. Eventualmente aggiungi un po’ di copertura con un pennello sottile e piatto. Fissa, infine, il prodotto con un velo di cipria trasparente e concludi con il fondotinta su tutto il viso.

Più luce sul viso

Una base fluida color arancio, applicata dopo la crema da giorno, dona all’incarnato un’aria sana e vitale. Sfumala evitando il contorno occhi, ma senza dimenticare il collo. Completa con un fondotinta leggero. Per un make-up più veloce mescola due parti di correttore arancio e una di fondotinta e, per affinare la grana del viso, tre gocce di tonico.

Pubblica un commento

  1. Da qualche giorno che pensavo com’è più corretto mettere il trucco di base?? Mi interessava a sapere passo per passo l’ordine giusto come si trucca. Dopo aver letto questo non mi è ancora chiaro… Chi può aiutare? Pensate che ho:
    1 crema da giorno (ovviamente prima);
    2. correttore verde liquido (nasconde macchie rosse) con pennellino e correttore di color carne in stick;
    3. fondotinta liquida;
    4. la cipria compatta e poi quella… in perline da stendere con pennello (uso per ultimo per dare il colorito più vivace alla faccia visto che sono sempre un po’ pallida).