A A

Tonifica il seno con l’acqua

Fresca, freddissima o ghiacciata. Ma anche arricchita da sali da bagno. È lei la migliore amica del seno. Ti aiuta a massaggiare i tessuti cutanei, a stimolare la circolazione e a ottenere un effetto antigravità. Un trucco per “tirarlo su”? Usa lo spray d’acqua termale



1

foto di Masi

L’idroterapia, con le sue applicazioni di acqua a temperature alternate, è un’altra alleata per un seno da invidia. Il calore dilata i vasi sanguigni, mentre il freddo li restringe. «Dunque, per stimolare la circolazione e la funzionalità cutanea, durante la doccia alterna getti di acqua calda, (circa 37 gradi) e fredda (22-23 gradi)», consiglia il dottor Massimo De Bellis.

«Così crei una sorta di ginnastica che rassoda la ghiandola mammaria. Inoltre, la pressione dell’acqua massaggia e tonifica i tessuti. Per ottenere il massimo dei benefici, indirizza il getto intorno ai seni, descrivendo più volte una specie di “otto”. Per finire», conclude l’esperto, «dirigi un getto potente di acqua fredda (26-28 gradi) sotto la pianta dei piedi e risali molto lentamente dalle gambe verso il cuore: in questo modo riattivi la circolazione sanguigna, con riflessi benefici anche sul décolleté».




In alternativa, puoi ottenere una buona tonificazione anche con un po’ di ghiaccio tritato avvolto in un canovaccio di cotone o di lino, applicato per 2-3 minuti sul seno. «Il freddo intenso è un vasocostrittore per eccellenza. Rafforza le pareti dei vasi sanguigni che nutrono l’epidermide e stimola delle contrazioni involontarie dei muscoli pettorali, simili a quelle che ottieni eseguendo degli esercizi di ginnastica passiva», spiega ancora De Bellis.


Un’altra possibilità è ricorrere a spugnature di acqua fredda arricchita con oli essenziali di menta, lavanda o arancio amaro. «Mentre se vuoi un effetto tensore», suggerisce l’esperto, «aggiungi all’acqua 1 g di cristalli di mentolo e 50 di plancton (in farmacia)».

Pubblica un commento