A A

Stop alle fratture, un consulto via email

In occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, parte la campagna «Stop alle Fratture». Un sito internet per le donne over 50 che permette un consulto personalizzato con uno specialista della propria zona



0

A partire dal 20 ottobre, tutte le donne over 50 anni che cliccheranno sul sito Stop alle fratture potranno usufruire del servizio «100 Medici Stop alle Fratture» che prevede un consulto personalizzato, via email, con uno specialista della propria area geografica di appartenenza (Provincia o Regione).

Sul sito della campagna è disponibile anche il primo database nazionale di Centri autorizzati per il trattamento dell’osteoporosi severa: oltre 580 strutture in tutte le Regioni italiane, con indirizzi e riferimenti per prenotare una visita.

Per usufruire del servizio, basterà effettuare il Defra Test online, test di autodiagnosi per valutare il rischio personale di fratturarsi nei successivi 10 anni, ovvero: basso, medio, elevato, molto elevato. A seconda del risultato ottenuto, verranno indicate, per tutte, raccomandazioni e consigli su come prevenire le eventuali fratture da fragilità.

La fragilità ossea, conseguenza dell’osteoporosi nella sua forma severa, è una patologia che colpisce il 30% di tutte le donne che vanno in menopausa (anche dai 45 anni se la menopausa è precoce) ed è causa di dolore cronico per fratture, quali il crollo o lo schiacciamento delle vertebre, del polso, dell’omero e, nei casi più gravi, del femore. Inoltre, condiziona negativamente la qualità di vita e l’autonomia di chi ne soffre.

La campagna è un progetto di 5 tra le principali Società Scientifiche che operano nell’ambito delle malattie metaboliche dell’osso: SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro), SIOT (Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia), SIR(Società Italiana di Reumatologia), ORTOMED (Società Italiana di Ortopedia e Medicina) e GISOOS (Gruppo Italiano di Studio in Ortopedia dell’Osteoporosi Severa).

Pubblica un commento