A A

I seminari Vidas sul tema “In salute e in malattia”

A Milano incontri gratuiti per parlare di possibili scelte dopo il testamento biologico e alleanza terapeutica tra medico, famiglia e paziente



Sono ricominciati i seminari promossi da Vidas, l’associazione che in 32 anni ha assistito gratuitamente oltre 29 mila malati terminali, a domicilio e nell’hospice Casa Vidas, in Milano e 104 Comuni della Provincia. Si tratta di momenti di riflessione e confronto, che fin dal 1985 affiancano l’attività assistenziale, durante i quali grazie ai contributi offerti da scienziati, filosofi, scrittori, sociologi, sono stati approfonditi i grandi temi etici del vivere e del fine vita. Si terranno a Milano a Palazzo Giureconsulti (via Mercanti 2).
Il tema proposto per quest’anno è In salute e in malattia. Nell’ambito della riflessione sulla migliore assistenza in medicina, l’umanizzazione della cura rappresenta oggi un tema di grande interesse che richiede un’ampia riflessione su questioni etiche, legate al nostro vivere dalla nascita al fine vita, che sono spesso al centro del dibattito pubblico e legislativo.
L’etica del rispetto in ogni istante e condizione dell’esistenza, le possibili scelte dopo il testamento biologico, l’alleanza terapeutica tra medico, famiglia e paziente sono i temi che verranno approfonditi nel corso degli incontri a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (info: 02.72511.203/258, promozione.sviluppo@vidas).

Ecco il programma:

Mercoledì 12 novembre 2014, ore 18 – LA SCELTA
Cultura della cura e legislazione
Valerio Onida – Costituzionalista
Dopo il testamento biologico: le possibili scelte
Luciano Orsi – Direttore Dipartimento Cure Palliative Mantova
Moderatrice: Silvia Vegetti Finzi, comitato scientifico Vidas

Lunedì 17 novembre 2014 ore 18 – IL DOMANI
“Mercato della salute” e costo dell’equità
Mauro Magatti – Sociologo, Economista, Professore all’Università Cattolica di Milano
Paziente, famiglia e curante per un’alleanza terapeutica
Luigi Valera – Psicologo Vidas
Moderatrice: Veronica Notarbartolo, comitato scientifico Vidas