A A

Pistacchi, una miniera di energia

Il pistacchio è un alimento ricchissimo per la nostra nutrizione. Per il suo “bagaglio” di energia, sali minerali, fibre e grassi “buoni” è adatto a chi fa sport. Il Dott. Giorgio Donegani, esperto in nutrizione ed educazione alimentare, spiega il perché



0

Il pistacchio è un alimento prezioso per la salute degli sportivi e per combattere alcune malattie.
Gli Stati Uniti sono il maggior produttore al mondo di questo seme. Molto apprezzato il pistacchio coltivato in California in grandi estensioni favorite da un ambiente di crescita ideale: estati
calde e secche, abbondante acqua, terreni profondi e molto sole. La specie più pregiata e diffusa è la Kerman.

Il Dott. Giorgio Donegani, esperto in nutrizione ed educazione alimentare, Presidente di Food Education Italy – Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare, spiega perché fa bene al nostro organismo.

“Il pistacchio – afferma Donegani – ha notevoli proprietà salutari che derivano dalla sua composizione e dalla ricchezza di micronutrienti benefici per l’organismo. E’ infatti un alimento energetico con un’altissima densità nutritiva, ricco di proteine, carboidrati, grassi “buoni”, fibre, vitamine e minerali che favoriscono il benessere generale dell’organismo.

Diverse ricerche in campo medico-scientifico hanno riconosciuto al pistacchio effetti benefici e di protezione nei confronti di alcuni disturbi ad aggi molto diffusi come il diabete di tipo 2, il sovrappeso, i problemi cardiovascolari e i processi infiammatori. Un alimento dalle tante qualità che merita di essere inserito nell’alimentazione quotidiana e uno snack perfetto per chi pratica attività sportiva, poiché facile da gestire e capace di fornire energia e nutrienti senza appesantire la digestione”.

Alimento energetico

Una porzione tipica di circa 30 grammi di pistacchio sgusciato fornisce circa 180 kcal

Altissima densità nutritiva

Fornisce quantità importanti di proteine (quantitativamente ne contiene quante la carne) e
carboidrati che svolgono un ruolo importante anche nel creare nell’organismo i costituenti
(aminoacidi) necessari per la crescita e il ricambio dei tessuti corporei (muscoli, pelle, ecc.).

Grassi “buoni”

Per la maggior parte sono monoinsaturi e polinsaturi di elevata qualità. Mentre c’è completa
assenza di acidi grassi del tipo “trans”.

Fitosteroli

La presenza importante di Betasitosterolo, del gruppo dei fitosteroli, i cugini vegetali del colesterolo, fa sì che, quando li ingeriamo, “ingannino” il nostro organismo. In questo modo il colesterolo trova la strada già occupata, non viene assorbito dalle pareti intestinali e viene eliminato con le feci.

Tante fibre

Una porzione da 30 g di pistacchio americano ne dà più di 3 g, oltre un decimo di quante ne servono<br nella giornata. Le fibre svolgono un'azione preventiva nei confronti di vari disturbi e stimolano efficacemente il senso di sazietà.

Importante apporto di minerali

Potassio, Calcio, Ferro, Magnesio, Fosforo, Selenio e Manganese rendono questo seme una sorta di integratore naturale.

Componente vitaminica significativa

E’ un’eccellente fonte di vitamine dell’energia: tiamina, vitamina B6, folati e vitamina E.

Abbondante apporto di fattori fitochimici

I pistacchi contengono antiossidanti in alta quantità, ma anche in una gamma decisamente ampia: luteina, beta-carotene, resveratrolo e gamma-tocoferolo che agiscono tutti positivamente contrastando l’eccesso di radicali liberi, dei quali sotto sforzo aumenta la produzione. Di conseguenza sono antinfiammatori.

PREZIOSO PER CHI FA SPORT

Grazie alle loro peculiarità nutrizionali i pistacchi incontrano in modo particolare le esigenze di chi fa sport:

– Sono un concentrato di nutrienti perfetto tanto come ingrediente dei pasti principali, quanto come spuntino facilmente gestibile dagli atleti per integrare l’alimentazione sia prima che dopo l’esercizio.

– Le fibre, le proteine e i grassi “buoni” hanno la capacità di facilitare la corretta modulazione della glicemia sia che i pistacchi siano consumati da soli, sia in associazione con i carboidrati.

– La presenza di proantocianidine, che possiedono specifiche proprietà antinfiammatorie, consente di aiutare a riparare i piccoli traumi muscolari che creano infiammazione.

UN CUORE IN PIENA FORMA

I grassi di tipo monoinsaturo e polinsaturo contenuti nei pistacchi e l’assenza di colesterolo (grasso “cattivo”) svolgono una funzione protettiva nei confronti del rischio cardiocircolatorio. Questi semi sono poi ricchi di sostanze antiossidanti che proteggono il cuore e i vasi sanguigni, assicurano sali minerali come il magnesio e il potassio indispensabili per la funzionalità cardiaca, e forniscono alte quantità di arginina, un aminoacido utile per mantenere l’elasticità delle arterie.

Pubblica un commento