A A

Pancia piatta con la kick boxing

Addominali al top in un lampo! Puoi averli anche tu, sfruttando l’energia di calci e pugni. Prova subito la nostra scheda! Che aspetti?



0

Dispendio energetico della scheda: 110 cal in 15 minuti

Ti regalano vita e fianchi perfetti e proteggono la colonna vertebrale, ma li trovi noiosi: se pensi agli esercizi per tonificare l’addome ti vedi distesa sulla schiena, ginocchia piegate, piedi a terra, mani alla nuca, che ripeti sempre lo stesso movimento. Così, anche se la tua linea si sta appesantendo, ti fai vincere dalla pigrizia. Se sei poco entusiasta del solito crunch, il più classico tra gli addominali, prova il nostro programma mirato a rassodare questa parte del corpo.

Stimoli i tuoi muscoli a dare di più
Non c’è un solo modo per snellire il girovita, anzi: variare il movimento migliora il risultato, perché anche le fibre muscolari “si abituano” all’allenamento e quindi hanno bisogno di continui stimoli. Gli esercizi che ti suggeriamo in questa scheda s’ispirano alla versione fitness della boxe, abbinano il movimento di gambe e braccia e sfruttano la tensione muscolare di calci e pugni. Per calciare o sferrare un pugno, infatti, è necessario contrarre anche l’addome: questi muscoli, assieme a quelli del dorso, danno forza ai tuoi movimenti e mantengono una postura corretta. Il primo esercizio che ti proponiamo ti prepara al lavoro successivo, di tonificazione più intensa. Se è troppo impegnativo, prevedi una pausa tra una serie e l’altra e concludi con qualche minuto di stretching, distesa sulla schiena con le gambe e le braccia allungate e rilassate. Ripeti l’allenamento due volte alla settimana.

I muscoli in azione

  • Retto dell’addome (1): è costituito da due fasce, lunghe e piatte, che corrono dal petto sino a poco sotto l’ombelico e ricoprono la cavità addominale. Sono quelli che ti fanno piegare la vita, mentre la parte alta resta ferma.
  • Obliquo interno (2) e obliquo esterno dell’addome (3) sono i muscoli che corrono, in diagonale, su ciascun lato del corpo e servono a ruotare il busto e a fletterlo di lato. Sostengono anche il muscolo retto nelle flessioni in avanti.
  • Medio gluteo (4) e piccolo gluteo (5): li usi quando salti, sollevi la gamba o la tendi all’indietro; ti servono per alzarti in piedi quando sei seduta. Sono importanti anche perché prevengono infortuni alle anche.

Pubblica un commento