A A

Keope, la macchina antistress provata da Starbene

Riequilibra il tono muscolare, rilassa e combatte il mal di schiena. È una nuova tecnologia che, grazie alle vibrazioni, ti fa ritrovare l’armonia



0

di Rossella Briganti e Rossana Cavaglieri

Quando sei stressata la sogni anche di notte: una capsula spaziale dove rifugiarti, dimenticare tutto e ritornare nuova in pochi minuti. Questa macchina esiste, ed è una scoperta italiana. Si chiama Keope GPR (Global Proprioceptive Resonance), ed è una struttura ergonomica a risonanza propriocettiva. È una chaise longue su cui ti sdrai e, mentre il tuo corpo si abbandona, nella sua anima di acciaio si risveglia una tecnologia all’avanguardia.

«Keope è nata dopo trent’anni di ricerche sugli effetti fisiologici delle terapie vibrazionali che agiscono sull’assetto ormonale dell’organismo», spiega Amedeo Maffei, inventore dell’apparecchiatura e docente di psicologia. «Permette una posizione in completo scarico funzionale, che il corpo mantiene senza sforzo. In questo stato di relax, si attivano delle vibrazioni su 10 punti strategici disposti tra nuca, dorso, bacino, ginocchia e caviglie. Le microvibrazioni vengono trasmesse dalla pelle al sistema nervoso centrale, apportando una lunga serie di benefici sulla psiche e sul corpo». Ecco i principali effetti di Keope (nell’immagine un dettaglio della macchina antistress).

PER IL SONNO

Cosa succede: la posizione che devi mantenere su Keope elimina le tensioni articolari e muscolari, così si abbandona ogni difesa. Dopo qualche minuto raggiungi uno stato di floating: ti sembra, cioè, di galleggiare nell’aria ma, al tempo stesso, sei sostenuta da un appoggio sicuro e confortevole. «Una condizione simile a quella che avevamo nel grembo materno», precisa il professor Maffei.

I risultati: «L’applicazione delle vibrazioni produce una risposta ormonale documentata dalle ricerche», spiega Maffei. «Aumenta la concentrazione nel sangue di serotonina e di endorfine (gli ormoni del piacere) mentre diminuisce quella del cortisolo, legato allo stress. Il trattamento accelera gli effetti del riposo: dieci minuti di seduta equivalgono a otto ore di sonno. Ma dopo si dorme anche meglio». Intanto, la mente si libera dai pensieri assillanti: i suoni e la voce-guida previsti da Keope accendono l’immaginazione e fanno piazza pulita dell’ansia e della negatività. Alla fine di una seduta ti senti più leggera, riposata e tranquilla. Keope ti “riaccorda” come se fossi uno strumento musicale, regalandoti gli stessi effetti di una meditazione ma in tempi record.

PER LA POSTURA

Cosa succede: che tu sia alta o bassa, magra o cicciottella, Keope è una macchina intelligente, studiata per adattarsi alle tue misure. Così, per mantenere la posizione semisdraiata, non hai bisogno di contrarre alcun muscolo e tutte le tue 187 articolazioni si possono allungare nel massimo comfort. Nel frattempo, le vibrazioni multifocali agiscono con un effetto analgesico su eventuali dolori lombari e sul mal di testa. E sono efficaci anche sullo scheletro: favoriscono il rimodellamento del tessuto osseo e prevengono l’osteoporosi.

I risultati: dopo una sola seduta ti senti già più “alta”, diritta e in equilibrio. «Non è un’impressione: l’azione di Keope sulla postura è documentata da studi di elettromiografia (l’analisi delle contrazioni muscolari) e di stabilometria», conferma Umberto Garagiola, specialista in ortodonzia all’Università di Milano. Ma una schiena ok dipende anche dal buon assetto della dentatura. Le tensioni nella masticazione, infatti, si ripercuotono su tutta la colonna. Ebbene, una ricerca dell’Università di Milano svolta su 21 maestri di sci di Courmayeur (pubblicata sul Dental Tribune nel giugno 2013) dimostra che Keope rilassa i muscoli masticatori e, di riflesso, quelli di tutto il sistema scheletrico.

PER LO SPORT

Cosa succede: «Se sei una sedentaria a oltranza, puoi perdere il 70 per cento delle tue capacità fisiche. Ma un 30 per cento, adeguatamente stimolato, può essere “recuperato”. E le vibrazioni meccaniche di Keope, di elevata intensità e breve durata, ti aiutano a ridurre la perdita di massa muscolare», osserva Francesco Coscia, del Dipartimento di medicina dello Sport dell’Università di Perugia.

I risultati: molti atleti e sportivi hanno inserito le sedute di Keope nel loro training, sia in preparazione allo sforzo sia per il successivo recupero. Uno studio dell’Università di Perugia, realizzato su un gruppo di atleti della nazionale italiana di Climbing, ha dimostrato che sedute ravvicinate con questo macchinario migliorano diversi parametri funzionali: la capacità respiratoria, la flessibilità della colonna, la fase di defaticamento e il recupero muscolare. «Negli scalatori rafforza persino la capacità prensile delle mani», conclude il professor Coscia.

CHI È L’INVENTORE DI KEOPE

In passato è stato un affermato musicista e ora “riaccorda” il corpo umano e lo armonizza con la mente. Amedeo Maffei, psicologo, motivatore e scienziato, è il padre di Keope GPR. I suoi laboratori di Villa Futura, un castello all’interno di un parco secolare situato a Sirtori (Lecco), sembrano usciti da un film di fantascienza. Lì Maffei realizza modelli ergonomici che la scienza ufficiale ha riconosciuto fra le migliori invenzioni italiane, ormai diventate materia di studio universitario.

Per informazioni e contatti circa Keope: 0399217578, info@keopeworld.com.

Pubblica un commento