A A

Ipnosi, ti insegno un esercizio pratico

Ecco un metodo semplice ed efficace per creare un ottimo rilassamento profondo. Lo si può fare restando seduti tranquillamente a casa, in poltrona



0

Tutti siamo in grado di entrare in ipnosi o di raggiungere uno stato di auto-ipnosi attraverso il quale comunicare direttamente con l’inconscio. La Prof.ssa Daniela Poggiolini, psicologa e ipnologa, ha alle spalle una vita dedicata a questo modello ericksoniano, e all’ipnosi simbolica.

Ecco un metodo semplice ed efficace per creare un ottimo rilassamento profondo. Questa esperienza è facile e molto potente, la si può fare restando seduti tranquillamente a casa, in poltrona.

——————–

Ok, sedetevi comodamente, e concentrate l’attenzione sul respiro, l’aria entra… l’aria esce, lentamente, con armonia e naturalezza. Consapevoli della vostra postura. Ora portate la vostra attenzione su ogni parte del corpo, dal viso alla nuca, scendendo, immaginando i sistemi muscolari che stanno rispondendo bene alla richiesta dell’inconscio che guida, rilassate ogni parte del vostro corpo, l’attenzione va al respiro, sempre lento e profondo. Ascoltate ciò che accade fuori, oltre voi, e lasciate che ogni suono o rumore si dissolva nel nulla. Arrivano i pensieri, possono entrare nella mente e poi sì, lasciateli andare, siate spettatori di ciò che c’è oltre voi… e dentro di voi… e di quelle parole che il dialogo interno vi manda.

Il vostro corpo è leggero come una piuma, è completamente rilassato ed è a contatto con la poltrona su cui siete. Un pensiero carezzevole arriva come acqua azzurra del mare, è come onda che viene e va, dolcemente, sommessamente, vi culla nel silenzio e tutto scorre. Ora eccovi in un luogo sicuro conosciuto o forse non conosciuto, il verde del prato su cui camminate è intenso e il profumo appena percettibile. Un grande largo sole giallo come oro splende e i suoi raggi vi accarezzano con forza delicata, l’energia cresce, tutto si ammanta di color arancio, il rosso dei papaveri in fiore riempie lo spazio di colore. Siete all’ingresso di un giardino, il vostro giardino segreto, e poi ecco un bosco molto piacevole, camminate lentamente come lento è il respiro, rilassati sempre più… in questo luogo meraviglioso, assolutamente sicuro e protetto ogni cosa sembra essere là per voi. C’è silenzio, i vostri passi sono appena percepibili, le foglie secche schiacciate vi offrono la loro voce, volano farfalle e piccoli uccellini, volano in alto, su, oltre gli alberi, il profumo di muschio è molto intenso, ad ogni respiro entra come un balsamo buono.

Ora vi sedete accanto a un albero secolare, notate cos’è, poi appoggiate la schiena al tronco. Il contatto regala energia piacevole, rilassante… che pace… voi tra i glicini indaco che profumano di buono, voi, in una atmosfera pastello con toni di viola, oltre il tempo e lo spazio. Ogni muscolo finalmente è a riposo e respira, sciolto ogni nodo energetico intrappolato nel corpo da tanto, ecco spazio da riempire con gocce di serenità, è facile guardare ciò che non è visibile agli occhi, adesso, e mentre ascoltate ciò che c’è una parola positiva come eco sommesso RITORNA, si ripete per voi, serbatela nel cuore. Bene. Ora, lentamente, osservate ancora per un attimo quello che avete visto, assaporato, sentito. È bello sapere che questo è il vostro giardino personale, incredibile alzare gli occhi e scoprire un arcobaleno perfetto che si staglia disegnando nel cielo un semicerchio perfetto, dolce pensare che potrete tornare in questo felice luogo di pace e serenità, ogni volta che lo vorrete veramente e riaprite gli occhi muovendo le braccia e le gambe in modo che la linfa vitale energetica possa riprendere a scorrere in modo eccellente.

Prof.ssa Daniela Poggiolini

Pubblica un commento