A A

Festa della Donna all’insegna della solidarietà

La Festa della Donna torna quest’anno con grande sobrietà. Si celebra pensando alle vittime degli abusi e al femminicidio, alla prevenzione sanitaria. Meno mimose ma più cultura: sono tante le iniziative delle donne e sulle donne in giro per l’Italia e alcuni musei apriranno gratuitamente alle visitatrici. E non mancheranno progetti di solidaritetà



0

ROMA – CAMPAGNA DI PREVENZIONE

L’8 e il 9 marzo, per la Festa della
Donna, parte a Roma, nei centri di laboratorio analisi Artemisia Onlus, una campagna di screening gratuiti e
pap-test per prevenire il tumore al collo dell’utero. Testimonial
dell’iniziativa è l’attrice Nicoletta Romanoff.
La campagna prosegue il 19 marzo (Festa del Papà) e il 12 maggio
(Festa della Mamma)
. Oltre a test e consulenza per prevenire il tumore al collo
dell’utero l’attenzione è puntata sulla
prevenzione delle malattie cardiovascolari. Il 19 marzo, in particolare, si eseguiranno elettrocardiogrammi gratuiti.
Le visite cardiologiche, pap-test e
mammografie si terranno nei centri clinici e
diagnostici di Artemisia Lab sul territorio su prenotazione chiamando il numero verde: 800.300.100.

COLOSSEO ILLUMINATO CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE

Venerdi’ 8 marzo, il Colosseo si
accenderà con le immagini della campagna di sensibilizzazione
“Fermiamo la violenza sessuale nei conflitti”, che saranno proiettate sul
monumento simbolo di Roma per ricordare al mondo intero
l’urgenza dell’impegno contro un fenomeno terribile.

Nella Capitale sono tante mostre dedicate alle donne come quella al Palazzo delle Esposizioni che accoglie dal 6 marzo al 21 luglio, “White Women, Sleepless Nights, Big Nudes” 180 immagini di Helmut Newton, uno dei fotografi più importanti del XX secolo. Mentre a Palazzo Farnese, l’Accademia di Francia ospita “Parlons d’Elle” una collettiva sull’universo femminile.

BERGAMO – PEDALATA PER LE VITTIME DEGLI ABUSI

Le autorità di Bergamo pedaleranno a
favore delle donne vittime di abusi su speciali
“bicigeneratori” collocati all’interno del centro commerciale
Oriocenter per l’iniziativa benefica “Love energy” che raccoglie
fondi per le donne in difficoltà.

Le bici che producono energia pulita possono essere
utilizzate anche da tutti i clienti di Oriocenter fino al 30
aprile. L’energia prodotta sarà poi convertita in denaro da
donare al Centro di accoglienza femminile “SaraCasa” di Bergamo,
che ospita donne in difficoltà.

MILANO – INGRESSO GRATUITO IN TANTI MUSEI

A Milano ingresso gratuito per le donne in alcuni dei più importanti musei della città (i Musei del Castello Sforzesco, il Museo del Novecento, il Museo di Storia naturale, il Museo Archeologico e il Museo del Risorgimento) e il biglietto ridotto per visitare le esposizioni in corso a Palazzo Reale: “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter” (9,50 euro), “Costantino 313 d.C.” (7,50 euro) e “Bob Dylan. The New Orleans series” (ingresso gratuito). Biglietto ridotto a 6,50 euro e un gadget a tema a tutte le donne che l’8 marzo visiteranno la mostra “Dracula e il mito dei vampiri” in programma alla Triennale di Milano.

NAPOLI – PERFORMANCE NEI MUSEI

Appuntamento alle 17 al Museo archeologico di Napoli per il “Percorso guidato Donne al Museo tra mito e realtà”, e al Palazzo reale per la mostra “Una donna per l’arte. Artemisia Gentileschi”, con l’attrice Annamaria Ackermann, che leggerà brani tratti dal processo di Artemisia su Fonti e Scritti di Valeria Moretti e Alexandra Lapierre.

BERGAMO – ALLA SCOPERTA DELLA FIGURA FEMMINILE

Il Museo Civico Archeologico di Bergamo ha organizzato una visita guidata alla scoperta della figura femminile. In città la festa della donna continuerà fino a domenica, con un incontro all’Orto botanico sul significato dei fiori.

ASTI – MOSTRA CON APERITIVO

Ad Asti, a Palazzo Mazzetti si potrà seguire il percorso “Cherchez la femme. I volti delle donne a Palazzo Mazzetti”, seguito da aperitivo e brindisi.

L’ERBOLARIO PER LE DONNE E I BIMBI DEL SENEGAL

Parte l’8 marzo “Ibisco, un fiore per l’Africa”, il progetto dell’Erbolario e dell’associazione no profit internazionale Green Cross in aiuto delle donne e dei bambini del Senegal. L’iniziativa intende finanziare
il programma di Green Cross di bonifica dei terreni incolti e di formazione professionale delle donne del posto per coltivarli nel villaggio di Gouriki Samba Diom (a 750 km da Dakar). L’obiettivo è produrre miglio, sorgo e arachidi che assicureranno il cibo a 2.000 bambini per il resto della loro vita.
Da maggio 2013, acquistando un prodotto della nuova linea Ibisco, un Fiore per l’Africa, (profumo, bagnoschiuma e crema per il corpo) appositamente creata da L’Erbolario, si contribuirà a rendere fertile 1 m2 di terra.

Pubblica un commento