A A

Come preparare i piedi all’estate

Finalmente a piedi nudi. L’estate scopre la pelle. E anche, purtroppo, i suoi difetti



0

E i piedi, soprattutto dopo una certa età, di difetti ne hanno tanti. A cominciare dai talloni rugosi per finire con le unghie ispessite. Ecco qualche rimedio semplice per non farsi cogliere impreparati in sandali e ciabatte.

Si comincia con un bel pediluvio, da fare ogni sera prima di andare a letto. Meglio se alternato. Vuol dire che si immergono i piedi prima in una bacinella di acqua calda e poi in una di acqua fredda. Il calore dilata i vasi sanguigni e il freddo li restringe: una benefica ginnastica che previene crampi e varici. In più, se si aggiunge il sale, la pelle si ammorbidisce e con la pietra pomice si asporta lo strato screpolato e si assottigliano i calli.

Dopo il pediluvio, anche le unghie sono più morbide ed è più facile quindi tagliarle. Ma attenzione: non bisogna mai seguire la loro curvatura naturale, altrimenti c’è il rischio che si incarnino. Meglio tagliarle orizzontalmente. E non togliere mai pellicine o cuticole che servono a proteggere dalle infezioni batteriche. Chi passa lo smalto, ricordi che sarebbe meglio toglierlo dopo cinque giorni al massimo e aspettare altri due prima della successiva applicazione. Così le unghie respirano e, col tempo, non diventano gialle o molli.

Un volta a letto, si può passare un balsamo apposito nelle zone più secche e poi, con una crema idratante, fare un massaggio completo. Prima si stimolano i plantari con i pollici ben premuti, poi, con le mani aperte si passa dal plantare alla caviglia. Ma non viceversa. Il movimento delle mani deve sempre andare verso l’alto per favorire la circolazione. Infine, si afferrano le dita una per una e si tirano.

Se, nonostante tutto, all’appuntamento con l’estate i piedi non sono proprio perfetti si può chiedere aiuto alla moda. Per nascondere i calli, invece delle infradito, si scende in spiaggia con le ciabattine arabe che anche quest’anno sono di gran moda e si abbinano benissimo ai pareo più glam. Per la sera, invece, il sandalo con tallone coperto e cinghie, o anche le classiche zeppe in corda, nasconderanno screpolature e caviglie gonfie.

Leggi anche

Pubblica un commento