A A

Big Bambù, l’installazione per i 50 anni di Enel

Dall’11 dicembre sarà aperta al pubblico la grande installazione “Big Bambú” degli artisti americani Doug e Mike Starn, selezionati per Enel Contemporanea 2012. L’opera sarà realizzata negli spazi di MACRO Testaccio a Roma, in occasione delle celebrazioni per il cinquantenario dell’azienda



0

Saranno gli artisti americani, gemelli omozigoti, Doug e Mike Starn (nella foto per gentile concessione degli artisti e di ARS di New York) i protagonisti della sesta edizione di Enel Contemporanea, appuntamento internazionale nel panorama dell’arte contemporanea, a cura di Francesco Bonami. Un’edizione speciale per i 50 anni di Enel che, a partire dall’11 dicembre, vedrà l’apertura al pubblico negli ampi spazi di MACRO Testaccio della gigantesca installazione “Big Bambú”, appositamente creata per la città di Roma.

UN LABIRINTO DI BAMBU’ ALTO 25 METRI

Migliaia di aste in bambù saranno legate e incastrate fra loro con un metodo tradizionale, capace di creare un’inedita struttura-scultura nella quale i visitatori potranno addentrarsi lungo percorsi, camminamenti e sensazioni. Concepita dai fratelli Starn come un organismo vivente in continuo cambiamento nella sua complessità ed energia, l’opera si svilupperà fino a circa 25 metri di altezza grazie all’utilizzo di un materiale solido e flessibile, oltre che altamente simbolico, come il bambù. Costruito manualmente dagli artisti stessi e dal loro gruppo di esperti arrampicatori, all’interno dell’architettura-scultura l’imprevedibile incrociarsi dei bambù diverrà al tempo stesso elemento giocoso ed espressione della molteplicità della vita, dell’immaginazione e della creatività umana.

LA SCULTURA COME ORGANISMO VIVENTE

Un grande organismo vivo che si trasforma, si muove, si adatta al tempo, che cresce non in dimensioni ma in sensazioni. In questo modo i fratelli Starn creano una delle poche opere d’arte contemporanea che, pur presentandosi nella sua versione ultimata come una scultura, rimane costantemente organica e viva, capace di accogliere lo spettatore e di inglobarlo come parte integrante del processo.

Nel 2010 l’installazione ”Big Bambú: You Can’t, You Don’t and You Won’t Stop” (non puoi, non vuoi e non ti fermerai) di Doug e Mike Starn, in mostra al Metropolitan Museum di New York, è stata la nona esposizione più visitata nella storia del museo e la quarta più visitata al mondo in quell’anno. Successivamente, è stata presentata alla 54.Biennale di Venezia nel 2011.

Doug e Mike Starn lavorano insieme da oltre vent’anni focalizzandosi principalmente sull’arte concettuale e sulla fotografia. Le loro opere, concepite come inedite strutture organiche in evoluzione, sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private, e sono state esposte in musei e gallerie di tutto il mondo, fra cui il MoMA, il Metropolitan Museum of Art e il Guggenheim Museum di New York, la National Gallery of Victoria di Melbourne, lo Yokohama Museum of Art in Giappone, la Maison Européenne de la Photographie di Parigi.

Enel Contemporanea è il progetto promosso da Enel che prevede ogni anno la realizzazione di opere sul tema dell’energia da parte di artisti di diverse nazionalità. L’obiettivo è di esprimere e trasmettere i valori di innovazione, attenzione all’ambiente e internazionalità grazie il linguaggio universale dell’arte.

Doug+Mike Starn in Big Bambú – MACRO Testaccio, Piazza O. Giustiniani 4, Roma. Apertura al pubblico dall’11 dicembre in avanti. Ingresso gratuito da martedì a domenica ore 16.00-22.00. Chiuso il lunedì
Sito Internet, Info Enel Contemporanea: enelcontemporanea@enelaward.com. Info MACRO: +39 06 67 10 70 400
, presente anche su Facebook e Twitter: MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma

Pubblica un commento