A A

Alpinismo al femminile nel ricordo di Alessandra Boarelli

Fu la prima donna a raggiungere la vetta del Monviso, il 16 agosto 1864. Per celebrare il 150° anniversario di questo evento in Piemonte una serie di iniziative sulla montagna in rosa



0

Alessandra Boarelli il 16 agosto 1864 fu la prima donna a raggiungere la vetta del Monviso, insieme alla damigella quattordicenne Cecilia Fillia.

Per celebrare il 150° anniversario di un’impresa che sfidò le convenzioni e i pregiudizi del tempo sulla figura della donna, il Club alpino italiano ha organizzato una serie di eventi. L’ascesa avvenne appena un anno dopo quella di Quintino Sella, il quale qualche mese dopo la scalata, nell’ottobre 1863, fondò il CAI.

Fino a novembre le Sezioni CAI di Saluzzo, Barge, Racconigi, Savigliano e Peveragno (in provincia di Cuneo), il Gruppo di lavoro “Boarelli 150″ e il “Comitato W.O.W.” hanno organizzato un calendario denso di appuntamenti.

Dopo essere stata inaugurata a Verzuolo, città di adozione  di Alessandra Boarelli, ora è a Ostana la mostra fotografica 16 agosto 1864: Alessandra Boarelli e Cecilia Fillia – L’alpinismo femminile e la Montagna simbolo, curata dalla famiglia Quagliotti-Boarelli, dal Gruppo di lavoro “Boarelli 150″, con testi di Linda Cottino. L’esposizione sarà itinerante e toccherà diverse località della provincia di Cuneo fino a ottobre.

La rassegna cinematografica “Alpinismo al femminile – Il sabato d’estate” prenderà il via il 12 luglio alle 21 a Pontechianale, con la proiezione di Le ragazze di limone”. Sono previste sei serate, l’ultima delle quali è in programma il 23 agosto a Ostana (proiezione di La via eterna).

Ad agosto e settembre sono in programma diversi trekking e scalate, tra cui naturalmente quella del 16 agosto 2014, quando le Guide del Monviso ricorderanno Boarelli e Fillia con due cordate rosa in Valle Po e Valle Varaita.

Il progetto “Monviso per tutti”, che coinvolge i gruppi di Montagna Terapia del Piemonte, prevede un percorso di sei tappe che partendo da Verzuolo, città natale di Alessandra Boarelli, attraversando la valle Varaita, raggiunge il rifugio Quintino Sella in valle Po, base principale per la salita al Monviso.

Da segnalare inoltre l’iniziativa “1000 donne sul Monviso”, che rientra nel calendario di WOW (Wonderful Outdoor Week) e mira a rilasciare un personale attestato a tutte le donne che raggiungeranno la vetta nella stagione 2014, accompagnate da guida alpina abilitata.

 

Qui il programma completo delle iniziative

Pubblica un commento