A A

Acquisti online, niente più brutte sorprese

I consigli dell’Unione Nazionale Consumatori per fare acquisti online in tutta sicurezza



0

Internet offre un sacco di occasioni di shopping con la possibilità di comparare prezzi e offerte in pochi istanti comodamente e senza muoversi da casa. Ma non sempre un annuncio corrisponde ad un affare. Per non ritrovarsi con brutte sorprese, l’Unione Nazionale Consumatori fa presente cosa controllare al momento dell’acquisto.

COSA PREVEDE LA LEGGE

Per gli acquisti online la legge italiana (Codice del consumo) prevede due cose fondamentali a tutela dei consumatori: 1. l’obbligo per il venditore di fornire una serie di informazioni; 2. il diritto di ripensamento per il consumatore.

Il sito deve indicare:

a) identità del professionista (il venditore) e, in caso di contratti che prevedono il pagamento

anticipato, l’indirizzo del professionista;

b) caratteristiche essenziali dell’oggetto o del servizio;

c) prezzo dell’oggetto o del servizio, comprese tutte le tasse e le imposte;

d) spese di consegna;

e) modalità del pagamento, della consegna dell’oggetto o della prestazione del servizio;

f) esistenza del diritto di recesso o i casi in cui tale diritto è escluso;

g) modalità e tempi di restituzione o di ritiro dell’oggetto in caso di recesso del contratto;

h) costo dell’utilizzo della tecnica di comunicazione a distanza, quando è calcolato su una base diversa dalla tariffa di base;

i) durata della validità dell’offerta e del prezzo.

Tutte queste informazioni devono essere confermate per iscritto al consumatore prima o al momento della firma del contratto.

IL DIRITTO DI RECESSO

E’ la possibilità di interrompere il contratto: il consumatore ha diritto di cambiare idea senza pagare multe e senza specificarne il motivo, entro 10 giorni lavorativi dal giorno del ricevimento dell’acquisto. Lo deve fare spedendo una raccomandata con ricevuta di ritorno al venditore.

Quanto al venditore, deve procedere con l’ordinativo entro 30 giorni dal giorno successivo a quello in cui il consumatore gli ha trasmesso l’ordine. Se l’oggetto o il servizio non è disponibile, il venditore deve informare il consumatore e rimborsare la somma eventualmente già versata.

In caso di dubbi o controversie: consulenze@consumatori.it

Pubblica un commento