A A

Sport: i trucchi per salvarsi dalla pioggia

Bisogna scegliere capi impermeabili da pulire delicatamente. Ecco come fare



0

di Anna Pugliese

La regola n° 1 è scegliere capi sportivi antiacqua. La regola n° 2 è pulirli delicatamente per non eliminare il trattamento impermeabilizzante.

SCARPE lavale a mano

«Per le scarpe da running e da trail running usa l’acqua fredda o al massimo tiepida; se sono molto sporche puliscile con sapone di Marsiglia» spiega la guida escursionistica Martina Roddi. «Estrai i plantari e pulisci anche l’interno della scarpa, utilizzando una spazzolina. Fai asciugare le tue calzature sportive all’aperto, esposte all’aria, ma non al sole.

Per gli scarponi da trekking, una volta perfettamente asciutti, puoi ungere ganci e asole con la vaselina e spruzzare lo spray impermeabilizzante. Poi sistemali in un luogo buio e asciutto, allacciati, in modo che mantengano inalterata la loro forma».


Fai la tua domanda ai nostri esperti


ABBIGLIAMENTO in lavatrice a 30 °C

I capi non imbottiti possono essere lavati con una piccola quantità di detergente liquido, specifico per abbigliamento sportivo impermeabile. «Questi detersivi costano un po’ di più ma ti aiuteranno ad allungare la vita dei tuoi capi. Non usare l’ammorbidente e centrifuga al minimo», commenta Mara Pecar, responsabile del settore outdoor di una catena di negozi per lo sport.

Ricordati di chiudere le cerniere (aiuta a mantenere la forma del tessuto) e fai asciugare i capi all’aria aperta, ma non al sole; appesi all’omino, risparmierai la stiratura. Se hai una giacca un po’ in là con gli anni puoi rinnovare l’impermeabilizzazione con lo spray specifico oppure puoi richiedere in tintoria una nuova applicazione della pellicola DWR, durable water repellent.

Per le giacche e i pantaloni imbottiti, invece, leggi le indicazioni di lavaggio in etichetta perché variano a seconda del tipo di materiale usato al loro interno. In generale, comunque, bisogna evitare acqua calda e detergenti aggressivi.

ACCESSORI attenta all’asciugatura

«I guanti vanno lavati a mano, in acqua tiepida, evitando di strizzarli; se ci sono degli inserti in pelle è meglio non utilizzare alcun tipo di detergente», spiega l’esperta di abbigliamento sportivo, Mara Pecar. «L’asciugatura va fatta a regola d’arte: all’aria aperta, con le dita rivolte verso l’alto. Una volta all’anno, o quando i guanti ti sembrano meno resistenti all’acqua, puoi trattarli con lo spray per tessuti idrorepellenti».

Per quanto riguarda i cappelli impermeabili, segui le istruzioni del produttore perché esistono modelli che vanno portati in tintoria. Se si bagnano falli asciugare all’aria aperta, ma non al sole. «Almeno una volta all’anno, può essere utile rinnovare l’impermeabilizzazione, con lo spray specifico», conclude Mara Pecar.

Articolo pubblicato sul n.41 di Starbene in edicola dal 29/09/2015



Leggi anche

Correre d'inverno

Sport all'aperto: quali praticare

In famiglia a tutto sport

Quali sono i benefici del nuoto?

Golf: 5 ragioni per giocare

Pubblica un commento