A A
hero image

6 ragioni per imitare i ciclisti del Giro d’Italia

Vuoi un training perfetto per scolpire tutti i muscoli e assottigliare il girovita? Datti al ciclismo

Foto: iStock



0


Con l’inizio del 99° Giro d’Italia, in partenza da Alpedoorn (Olanda), la stagione ciclistica entra nel vivo. Un’occasione in più per montare in sella, emulare i campioni del manubrio e fare il pieno di benefici per il corpo e la salute. Quali sono? Con l’aiuto di Anna Mei, pluripremiata ciclista italiana e detentrice del record mondiale di endurance femminile dei 1000 chilometri in velodromo, ne abbiamo individuati 6. Da “rincorrere” allenandoti per un’ora, tre volte alla settimana.


METTI IN SALVO LE ARTICOLAZIONI
Il ciclismo è un’attività ideale se hai qualche chilo di troppo e vuoi perdere peso, perché durante la pedalata si rimane seduti e per questo non mette alla prova la salute di ginocchia e caviglie come potrebbe succedere, per esempio, con altri sport come il running.


BRUCI TANTO
Pedalare fa sciogliere un bel po’ di energia: secondo l’Harvard Medical School una persona di poco più di 60 kg, a un’andatura di circa 20 chilometri all’ora riesce a bruciare addirittura 240 calorie in 30 minuti: proprio come il basket e più di nuoto e tennis.


PUOI DOSARE LO SFORZO
Una volta in sella puoi decidere di allenarti seguendo un ritmo alto e di darci dentro, oppure scegliere di pedalare un poco più piano o, ancora, determinare di variare l'intensità della fatica. Questa caratteristica ti permette di evitare di puntare troppo sullo sforzo: in questo modo concedi a cuore, polmoni, apparato cardiocircolatorio e linfatico la possibilità di mantenersi attivi, senza esasperare l’allenamento. Un fattore importante anche sotto il punto di vista psicologico, perché ti aiuta a mantenere alta la motivazione per affrontare al meglio le uscite successive.


SCOLPISCI GAMBE E GLUTEI
Andare in bicicletta tonifica al meglio quadricipiti e bicipiti femorali, cioè la parte anteriore e posteriore delle cosce, un fattore che oltre a rendere le tue gambe toniche e asciutte esalterà anche il lato B, perché è proprio sui bicipiti femorali che poggiano i glutei. E se le cosce, che funzionano come una colonna, saranno modellate a dovere, anche il tuo lato B svetterà proprio come un capitello.


ALLENI CORE E BRACCIA
Il ciclismo ti aiuta anche a conquistare una pancia piatta perché, contrariamente a quanto si pensa, chiama in causa pure l’addome, che funziona da muscolo stabilizzatore (cioè ti permette di adottare la postura corretta sulla bici). Inoltre, mantenere il manubrio con le braccia è utile per tonificare anche i muscoli degli arti superiori, senza però aumentarne il volume. 


NON “INGROSSI" GLI ARTI INFERIORI
È ora di sfatare questo luogo comune: non è vero che la bicicletta fa diventare le gambe grosse. Chi inizia a pedalare si ritrova con i muscoli degli arti inferiori più “duri”, un processo è dovuto alla perdita di grasso fra le strutture muscolari della parte bassa del corpo. Quindi, quella di avere gambe più “importanti” è solo una sensazione perché, in realtà, sono semplicemente molto toniche. Anzi, è bene ricordare che il ciclismo è consigliabile alle donne che soffrono di gambe pesanti o ritenzione idrica perché la pedalata stimola il ritorno venoso.

5 maggio 2016


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Leggi anche

Bicicletta: quali benefici?

Bici: 10 motivi per pedalare

Gambe gonfie? Prova la pedalata con idromassaggio

Pubblica un commento