Terapia contraccettiva

Gentilissimi Dottori, sono una ragazza trentenne e vorrei chiederVi un parere circa la terapia anticoncezionale (cerotto transdermico), che ho ripreso ad applicare in questi giorni, dopo circa 3 anni di interruzione, anche a causa di alcune vicissitudini ospedaliere a seguito di problematiche di natura ginecologica. Vorrei, se permettete, esprimerVi un paio di importanti dubbi: lo farei in maniera sintetica, anche per vostro miglior agio nelle repliche. Stringatamente, quindi, chiederei: 1) Per quale motivo, tra le aree di applicazione del cerotto anticoncezionale, è esplicitamente proibito il seno o le zone vicine al seno? 2) Sarebbe consigliato o, viceversa, sconsigliato un utilizzo continuativo del cerotto (oltre le 7 applicazione indicate dalla normale posologia), per esempio per un intero anno – al fine di simulare il blocco dell'ovulazione tipico di una gravidanza per perseguire, nella fattispecie, lo scopo terapeutico di "guarire" o, meglio, “curare” l’endometriosi ed il proliferare delle aderenze della medesima? Se fosse sconsigliato, quali effetti indesiderati potrebbe causare il suddetto trattamento? 3) In quale misura il cerotto può dare effetti collaterali indesiderati relativamente al fegato? (se il soggetto presentasse valori epatici già lievemente alterati, per eziologie da accertarsi, in tal caso il cerotto curerebbe o, piuttosto, aggraverebbe il problema? potrebbe causare l’insorgere di neoformazioni cancerose?) Grata per un cortese riscontro, porgo cordiali saluti. Dafne.

La risposta

avatar Ginecologia Dott.ssa Barbara Bonazzi

Sono troppe domande:sarò breve, il cerotto contraccettivo non è pericoloso, neanche usato continuativamente, tendenzialmente lo è meno della pillola estro-progestinica, per quanto riguarda il fegato è importante fare dei controlli annuali a meno che ci sia già un problema per il quale va fatto un discorso personalizzato.L’uso in continuo per l’endometriosi è raccomandato. Cordiali Saluti

Domande correlate

Ma oltre a Vesomni che è molto caro non ci sono farmaci equivalenti che costano meno?

avatar Ginecologia Dott.ssa Barbara Bonazzi

Il Vesomni è composto da due principi attivi, di cui uno, la Tamsulosina si può acquistare con il SSN, invece il secondo, la Solifenacina succinato, non è tra i farmaci che si possono acquistare...

Vedi tutta la risposta

Sono una donna che ha superato i 70 anni -"dalla menopausa a tutt'ora ho vampate "-...

avatar Ginecologia Dott.ssa Barbara Bonazzi

Dovrebbe parlarne con il suo medico, a questo punto il problema è di origine vasomotoria e metabolica, non credo che c’entri molto la situazione gimecologica. Faccia degli esami generali, la...

Vedi tutta la risposta

Rapporti a circa uan settimana dal ciclo. Posso essere io il padre?

avatar Ginecologia Dott.ssa Barbara Bonazzi

Mi sembra che abbiate proprio fatto centro! Dati i ritardi precedenti e i farmaci non era realistico attendere le mestruazioni il 9 ma dovevate prevedere un possibile ritardo fino al 15/16,...

Vedi tutta la risposta

Scrivi la tua domanda agli Esperti ? clicca per informazioni sul servizio