A A

Proprietà e benefici del fieno greco

I benefici del fieno greco sono innumerevoli e possono essere sfruttati sia in ambito cosmetico che curativo



0

Il fieno greco è un'erba spontanea comunemente diffusa nelle regioni mediterranee del mondo. I semi e le foglie sono utilizzati soprattutto come spezia culinaria, ma in realtà questa pianta è molto utile per trattare varie tipologie di disturbi e problematiche.

I semi di questa pianta infatti contengono alti livelli di proteine, vitamina C, potassio e fitoestrogeni, questi ultimi dei componenti simili agli estrogeni che possono contribuire ad aumentare la libido (non a caso il fieno greco è utilizzato per trattare la disfunzione erettile), e a ridurre le vampate di calore e gli sbalzi d'umore caratteristici della menopausa e della sindrome premestruale.

Proprio per l’azione equilibrante che esercita sugli ormoni femminili, il fieno greco è utilizzato molto spesso anche per ingrandire il seno (consumando fino a tre grammi di semi al giorno), indurre il travaglio e stimolare la produzione del latte materno, due utilizzi, questi ultimi, da intraprendere solo dopo aver consultato il proprio medico.

In India e in Cina, il fieno greco è utilizzato anche per trattare l'artrite e l’asma, nonché per migliorare la digestione e mantenere attivo il metabolismo, curare l’acidità di stomaco e anche i problemi di pelle (come piccole lesioni localizzate e foruncoli).

Un semplice rimedio per curare le infiammazioni cutanee prevede di macinare un cucchiaio di semi di fieno greco, mescolare la polvere ottenuta con acqua tiepida, e infine utilizzare un panno pulito per applicare il composto direttamente sulla parte infiammata. Il fieno greco può essere utilizzato anche come componente per creare una lozione di bellezza contro la cellulite.

Ma le proprietà del fieno greco non finiscono qui: un recente studio infatti ha dimostrato come l’assunzione quotidiana del fieno greco possa contribuire a ridurre i livelli di glucosio (con una dose consigliata di 500 milligrammi al dì) e di colesterolo (con una dose di due grammi al giorno), una capacità che lo renderebbe un candidato idoneo anche per il trattamento del diabete: la pianta può essere assunta o sotto forma di capsule oppure aggiungendo direttamente i semi di fieno greco agli alimenti già preparati.

Quando assunto con una tisana infine, questa erba può contribuire ad abbassare la febbre e a trattare efficacemente gli stati influenzali: basta assumere per tre volte al giorno una tisana (come il tè verde) a cui aggiungere uno o due cucchiaini di semi di fieno greco, un cucchiaino di miele ed uno di succo di limone.

Leggi anche

L'infuso di tiglio

L’insalata di arance e mirtilli ai semi di cumino

Betulla, la pianta delle donne

Le piante che mangiano l'inquinamento

Psoriasi: un problema dermatologico… e non solo!

Ciclo, 5 piante per superare i dolori mestruali

Arrossire, ma non per timidezza

Pubblica un commento