hero image

Insonnia: gli oli naturali per dormire

Bastano poche gocce di alcune essenze per favorire un buon sonno. Ecco come usarle

credits: iStock



di Anna Bogoni

Ben 7 italiani su 10 soffrono di disturbi del sonno, dalla difficoltà ad addormentarsi al risveglio precoce. Una notte insonne rende più difficile affrontare la giornata con lucidità, energia e buonumore e incide negativamente sulla salute del sistema cardiovascolare e di quello immunitario.

I fattori che possono disturbare il riposo notturno? Prima di tutto lo stress e le preoccupazioni, poi il cambio di stagione e gli eventuali sbalzi ormonali. In tutti questi casi possono essere di grande aiuto gli oli essenziali deterpenati, ossia purificati e quindi privi di sostanze irritanti. Prima di acquistarli in erboristeria e in farmacia, controlla quindi che abbiano l’indicazione sull’etichetta.


Massaggiali sui polsi 

«Le essenze più efficaci sono 5: la lavanda e l’arancio per l’effetto calmante; il tiglio che migliora la qualità del sonno; la melissa e la camomilla per l’azione rilassante sulle pareti di stomaco e intestino e decontratturante sulla muscolatura in generale», spiega il dottor Luigi Torchio, esperto in medicina naturale.

Come utilizzarli? «Puoi aggiungere 1 goccia di una singola essenza o 3 gocce di un mix di 3 diverse a un cucchiaio di olio di mandorle dolci, tiepido. Da massaggiare all’interno dei polsi con movimenti delicati e circolari.


Usali per preparare un bagno caldo

In alternativa si possono disciogliere una ventina di gocce di essenze miste in una tazza di sali, da aggiungere nell’acqua della vasca per un bagno rilassante», continua l’esperto. Regalati questi momenti di benessere, la sera, appena torni dal lavoro o prima di coricarti.

Per favorire il sonno puoi anche diffondere gli oli essenziali in camera da letto, tutte le sere: bastano 2-3 gocce dell’essenza preferita nella carica d’acqua dell’umidificatore. «Un’unica avvertenza: gli oli non vanno mai messi sul cuscino, perché le inalazioni dirette potrebbero provocare nei soggetti sensibili un’irritazione delle vie respiratorie e, a contatto con la pelle del viso, scatenare allergie», conclude il dottor Torchio.


Prima dei 10 anni sono sconsigliati

I bambini rischiano irritazioni, attacchi di asma e perfino convulsioni. Vale anche per le gocce balsamiche per l’umidificatore: occorre controllare sulla confezione se possono essere utilizzate anche per i più piccoli. Per conciliare il sonno dei ragazzi dai 10 anni in su, sì invece a 4-5 gocce di essenze miste (tra arancio, tiglio, lavanda, melissa e camomilla) nel vaporizzatore, collocato non troppo vicino al letto, proprio per non scatenare problemi di allergie.

Per aiutarli a dormire bene, la sera prima di un esame o un’interrogazione si può aggiungere un esercizio di respirazione profonda: si inspira con il diaframma, sollevando la pancia, si fa una pausa di 1” e poi si espira
lentamente rimanendo a polmoni vuoti per 2 secondi.

Da ripetere per 10 minuti in modo da favorire il rallentamento delle onde celebrali: in questo modo due emisferi si sincronizzano tra di loro, permettendo di migliorare concentrazione, lucidità e memoria al risveglio. 


Fai la tua domanda i nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 19 di Starbene in edicola dal 25/4/2017



Leggi anche

8 trucchi contro l'insonnia

Insonnia: 4 tecniche di rilassamento

Sonno e umore in tilt? Ecco gli integratori giusti

Sonno, quanti pensieri!