A A

Sonno, quanti pensieri!

Chi si rigira nel letto spesso rimugina e non riesce a rilassarsi. Ecco come evitarlo



0

di Isabella Colombo

«Che cos’è l’insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente a fabbricare pensieri [...], il suo rifiuto di abdicare di fronte alla saggia follia di sogni?». Marguerite Yourcenar descrive così la tortura degli occhi aperti a notte fonda. Secondo la National Sleep Foundation statunitense, gli adulti dovrebbero dormire mediamente almeno 6 ore per notte. Ma ciò che stanca di più, quando non si riposa, è il lavorio della mente. «Dopo una notte bianca si fatica a concentrarsi e si è irritabili. Figurarsi quando il problema si ripresenta tutte le notti», osserva Liborio Parrino, presidente dell’Associazione italiana di medicina del sonno. Ecco come evitare che succeda.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

 


Gli effetti sulla psiche
Dormire è un passaggio fondamentale per ricaricare la “batteria cerebrale”, tanto è vero che chi non riposa in maniera adeguata accusa disturbi della memoria e ha maggiori rischi di sviluppare la depressione. La quale, d’altro canto, si accompagna sempre alla mancanza di sonno», continua Parrino. «Anche i depressi che dall’esterno sembrano diventare letargici, in realtà non dormono affatto. Se si ostinano a stare al letto è solo per isolarsi dal resto del mondo. Gli effetti dell’insonnia cronica sulla psiche sono così nefasti che spesso è persino difficile capire se una depressione è la causa o la conseguenza dell’insonnia». Oggi in Italia soffrono di questo disturbo circa 4 milioni di persone. «Per giunta la maggior parte vive anche la frustrazione di non essere capita dal proprio medico: ancora troppi professionisti tendono a sottovalutare il problema», continua l’esperto. «La metà dei pazienti, infine, viene curata con famarci ipnotici, che però inducono un sonno “finto” e spesso peggiorano le cose».

Le cause del problema
Rigirarsi nel letto senza riuscire a dormire genera un’irrefrenabile ruminamento mentale che, a sua volta, alimenta l’insonnia. Ma come si innesca questo circolo vizioso? «Per capirlo bisogna partire dalle cause del problema: talvolta alla base c’è un disturbo di altro tipo, come l’ansia, lo stress, le malattie della tiroide o gli squilibri ormonali che caratterizzano gravidanza e menopausa, tutte condizioni che hanno come conseguenza la difficoltà di prendere sonno», spiega Laura Palagini, psichiatra dell’Ambulatorio per il trattamento integrato dei disturbi del sonno dell’Unità di psichiatria 2 dell’Azienda ospedaliera universitaria di Pisa. «Quando invece non c’è una malattia sotto, l’insonnia può essere scatenata da un evento stressante. Il guaio è che, in entrambi i casi, spesso si innesca una serie di comportamenti che perpetuano il problema».

I pensieri disturbanti
«Chi non dorme si ostina a stare a letto per cercare di riposare, non esce di casa perché è stanco e passa ore a rigirarsi tra le lenzuola», continua l’esperta. «Il primo pensiero, infatti, è proprio la paura di non riuscire a dormire e di non stare bene il giorno dopo. Da qui, a cascata, tutti gli altri tormenti: per esempio il lavoro che non si è riusciti o non si riuscirà a portare a termine. In questo caso, noi consigliamo di stendere una lista delle cose da fare, prima di andare a letto. Così si libera la mente e si ha l’impressione che sia tutto già organizzato per il giorno dopo». A tormentare l’insonne, poi, sono spesso pensieri tragici. «Noi lo aiutiamo a neutralizzarli con la “terapia paradossa”. Si tratta di registrare con quale frequenza la “disgrazia” rimuginata durante la notte si verifica poi durante il giorno. Il risultato è sempre zero e l’assurdità del pensiero diventa evidente». «Quando invece il pensiero notturno ricorrente è legato a un problema serio e reale come la una malattia di una persona cara o un debito, invitiamo i pazienti a riflettere su questo: la notte amplifica le preoccupazioni e non porta lucidità. Se hai già un problema e non ci dormi sopra, ne avrai aggiunto un altro», conclude la dottoressa Palagini.

La terapia efficace
È quella cognitivo-comportamentale, usata oggi in quasi tutti i centri del sonno. Gli studi più recenti indicano che chi vi si sottopone ottiene (in sole 4-6 sedute) risultati soddisfacenti e soprattutto duraturi, perché evita la cronicizzazione dell’insonnia: il terapista aiuta a scardinare durevolmente le ruminazioni mentali che impediscono alla mente di rilassarsi. Il fatto curioso, fanno notare i ricercatori del Centro di disturbi del sonno di Melbourne, è che i pazienti che hanno partecipato al loro studio dormivano solo 7 minuti di più ogni notte: ma ciò che sfinisce gli insonni sono l’attesa del sonno e il tempo di veglia durante la notte. E quelli, con la cosiddetta talk therapy, si riducono sensibilmente.

Le pratiche fai da te
Anche da sola puoi combattere l’insonnia, per cominciare liberandoti dell’idea che devi dormire 8 ore ogni notte. A tantissimi adulti basta molto meno. Vai a letto solo quando ti senti stanca, anche se ti sembra tardi, e alzati sempre alla stessa ora, anche nel weekend: così regoli il tuo orologio interno. In più, prova queste due tecniche.

Il training autogeno: l’ascolto di una voce registrata o la ripetizione mentale di particolari frasi e immagini attivano un’area nell’ipotalamo che rallenta il ritmo cardiaco e la frequenza respiratoria, come nel sonno. «La voce, interna o esterna, dà indicazioni su come rilassare il corpo pezzo per pezzo, fino ad arrivare al relax completo », spiega Laura Palagini.

Laa mindfulness: «È una forma di meditazione che libera la mente perché la stimola a concentrarsi sulle emozioni del qui e ora», dice l’esperta. Ci si concentra sul respiro, sulle sensazioni del proprio corpo, sul senso del tatto di mani e piedi, e si ascoltano le emozioni provate.

Articolo pubblicato sul n. 30 di Starbene del 14/07/2015

Leggi anche

Insonnia: un problema estivo

Bimbi da 0 a 3 anni: le cure per risolvere coliche, insonnia e raffreddore

Dormire meglio con le piante medicinali

Cos’è l’apnea ostruttiva del sonno?

Pubblica un commento