A A

Come rilassarsi in 8 mosse

Come rilassarsi e limitare lo stress? Vivendo la routine con spensieratezza e spirito di novità



0

di Paola Toia

LA MENTE CONTROLLA TUTTO

La prima cosa da fare per rilassarsi è concentrarsi sulla propria interiorità, perché quando si è sereni di testa, difficilmente si verrà scalfiti dalle avversità giornaliere. Bisogna partire dal presupposto, infatti, che nel corso della nostra vita ci saranno sempre dei problemi da affrontare e tanto vale viverli con il giusto spirito, trovando il proprio equilibrio a livello della mente. Anche le cantonate posso fare bene per migliorarsi e ricostruirsi, riuscendo a ‘mettere insieme i pezzi’ all’insegna di una tempra ancora più forte e decisa… proviamo a fare quel passo che ci garantirà di reagire!

Cosa fare? Qualche spunto per aiutarsi e tendere alla serenità:
- accettare lo stress: cercando di capire la sua origine (salute, lavoro, vita privata…) e iniziando a prendersi cura di sé facendo ciò che fa stare meglio;
- rilassare il proprio corpo: praticando esercizi a livello della respirazione, dello sport (anche qualche massaggio può aiutare) e seguendo una dieta sana;
- rilassare la mente: esercitandosi in modo positivo anche grazie alla meditazione, trovando un posto tranquillo, sforzandosi di non sentirsi in colpa, trovandosi un hobby, cercando di prendere la vita con un sorriso e vedere il ‘bicchiere mezzo pieno’;
- rimanere rilassati in contesti stressanti: è la vera prova del nove e il modo migliore per affrontare situazioni di panico è sconnettersi per un attimo dal mondo, allontanarsi dalle fonti di disturbo o da persone che non ci aiutano, prediligendo quelle che tengono a noi.


Fai la tua domanda ai nostri esperti!

RIMEDI NATURALI PER L’ANSIA E IL NERVOSO

Quando la quotidianità ci schiaccia e certi aspetti della vita non vanno, non è facile far quadrare i conti a fine giornata e lo ‘sbottare’ può essere sempre dietro l’angolo, specialmente con chi non c’entra nulla. Infatti l’unica cosa che sembra faccia star bene sia esternare ciò che si prova (dopo uno sfogo ci si sentirà inizialmente più leggeri), ma può subentrare il senso di colpa verso le persone con cui ce la prendiamo. Per controllare il nervoso e gli stati d'ansia, si può ricorrere a metodi naturali come le tisane rilassanti da acquistare al supermercato o in erboristeria, facendosi consigliare sulle quantità e sulle modalità di preparazione.

Fra le tisane anti-stress consigliamo (possono essere anche combinate fra loro):
- tisana alla camomilla: rilassante;
- tisana alla passiflora: rilassante e sedativa;
- tisana alla melissa: calmante e rilassante;
- tisana al tiglio: calmante e sedativa;
- tisana alla malva: rilassante e dalle proprietà emollienti a livello intestinale;
- tisana alla valeriana: rilassante e calmante;
- tisana al biancospino: dalle proprietà sedative, ansiolitiche e ipotensive;
- tisana alla verbena: per il relax e per calmare la tosse;
- tisana al luppolo: per disturbi di stomaco, di inappetenza, digestivi e nervosi;
- tisana alla lavanda: con proprietà digestive e di distensione dei nervi.

Attenzione: consultare sempre il proprio medico se si soffre di patologie croniche o si assumono antidepressivi.

LA PRATICA DELLO YOGA

Buona norma, per aiutare ad abbassare lo stress, potrebbe essere la pratica dello yoga. Infatti l’unione della ginnastica corporale con le tecniche di respirazione è molto utile per favorire il rilassamento, acquisendo il controllo del corpo e della mente.

Di seguito alcune posizioni rilassanti:
- posizione del relax: si ottiene sdraiandosi sul letto o per terra, appoggiando le gambe al muro con le mani sopra il torace o sotto la testa e respirando profondamente;
- scaccia stress: ci si siede con le gambe incrociate, prendendo il ginocchio destro con la mano sinistra (l’altra farà da sostegno, poggiata a terra, dietro il tronco); si respira allungandosi e si espira ruotando il tronco; si respira ancora profondamente una decina di volte e poi si passa all’altra gamba;
- scorrimento dell’ansia: ci si sdraia sul letto (appoggiando diversi cuscini dietro la testa e le scapole); si chiudono gli occhi, respirando profondamente e lasciandosi andare;
- seduti con schiena dritta e spalle rilassate: mettendo una mano sullo sterno e una sullo stomaco, si inspira (contare fino a 10) riempiendo d’aria prima lo stomaco e poi i polmoni; dopo aver trattenuto il respiro per 2 secondi, si espira svuotando prima i polmoni e poi lo stomaco; si ripete l’esercizio per almeno 8 volte per 2 volte al giorno;
- palla antistress: si forma una palla con il corpo raccogliendo le gambe al petto, abbracciandole e portando la testa verso di loro (mettere un cuscino sotto la testa); si procede con un movimento dondolante fluido.

CERCARE UN CONTATTO CON LA NATURA

Fare una passeggiata all’aria aperta o, ancora meglio, disconnettersi da tutto concedendosi un weekend all’insegna del relax e della natura, sarà di grande giovamento. Il consiglio è di regalarsi dei piacevoli break anche quando il livello dello stress non è alto, per coccolarsi e prendersi cura di sé, senza necessariamente arrivare al limite o alle stremo delle forze (più psicologiche che fisiche).

Gli appassionati di montagna potranno dedicarsi al trekking, all’alpinismo o allo sci, gli sportivi potranno praticare delle attività fische fuori dalle mura di una palestra e i più potranno staccare la spina con una gita, una camminata o anche un pic nic in un bel prato verde. Parole d’ordine: avere fantasia e buttarsi!

DISCONESSIONE DALLA TECNOLGIA

Altra fonte di ansia e stress è spesso la tecnologia, sempre più invadente e sovrana nella nostra società 2.0. Ormai quando si sale su un mezzo pubblico non ci si guarda più negli occhi, perché a catturare la nostra attenzione è la schermata dello smartphone (meglio se si tratta dell’ultimo modello). Si è presi dalla frenesia dei social, dando più importanza a come si appare in una foto pubblicata che a come realmente si è.

Per sanare la patologia dilagante della tecnologia malsana, basta trovare un po’ di equilibrio fra il mondo digitale e la realtà. Disconnettersi ogni tanto da computer, pc, telefonini e altri strumenti high-tech serve a riappropriarsi di se stessi, a depurarsi da tutto, a ritrovare i rapporti – reali – con le persone e a dare le giuste priorità.

ASCOLTARE MUSICA E GUARDARE FILM

Una piacevole evasione può essere regalata da quelle attività che creano piacere indirettamente, ovvero senza che ci sforziamo per praticarle come può essere uno sport.

La musica ha lo strabiliante dono di farci evadere, di permetterci di viaggiare con la testa e rilassarci. Non vogliamo consigliarvi una playlist, perché ognuno ha i propri gusti e deve trarre giovamento dalla musica che preferisce ascoltare, anche in funzione del proprio umore. Stessa cosa vale per i film o le serie TV. Quando qualcosa non va, anche andare al cinema si può rivelare davvero utile… provare per credere!

CONCEDERSI QUALCHE GOLOSITÀ… OGNI TANTO

Sicuramente una dieta sana e bilanciata ci permetterà di sentirci bene dentro e fuori. Suggeriamo, però, quando la situazione lo richiede, di fare uno strappo alla regola con qualche cibo proibito che magicamente sa tirarci su di morale e appagarci. Che sia un gelato o un panino del fast food, se è quello di cui abbiamo bisogno per rilassarci, ben venga.

Avremo così raggiunto l’obiettivo di stare meglio, a patto che la scappatoia non diventi a sua volta un problema, facendoci cadere nel circolo vizioso dei chili di troppo. Il cibo non può risolvere i problemi e non vi ci si può sempre rifugiare per stare meglio, ma se un cioccolatino è in grado di compiere un piccolo miracolo giornaliero e cambiare il nostro umore, perché no? L’importante è conoscersi e trovare il giusto equilibrio!

VIZIARSI DEL BELLO E DEDICARSI DEL TEMPO

Per stare meglio non si devono fare grandi cose, basta prendere spunto da quel che ci circonda traendone il massimo giovamento. Può sembrare difficile e magari lo è, ma è l’unica cosa da fare perché non serve andare lontano per trovare la tanto agognata pace interiore.

Anziché essere insoddisfatti e provare disgusto per se stessi, è bene dirsi quanto ci si vuole bene e ci si piace. Non pensare mai che sia finita, ma capire come valorizzarsi e imparare a esserci per se stessi. Solo così saremo anche disponibili per gli altri. Non esiste la perfezione e tutti i soldi del mondo non potranno fare la differenza se si vive un disagio interiore. Come vincerlo?

Un bagno caldo potrà farci sentire meglio, un taglio di capelli nuovo ci potrà donare un aspetto migliore, dei vestiti sapranno valorizzarci, un po’ di trucco donerà la giusta luminosità. Se piace il giardinaggio, circondarsi di colore, se si adora leggere, divorare i libri vivendo le avventure dei protagonisti….

Dedicarsi del tempo è una regola da non scordare mai e soprattutto iniziamo a rispondere a questa semplice domanda: cosa posso fare in questo momento per me?

Leggi anche

I 4 segreti per stare bene davvero

Stress: le strategie per organizzarsi

Pensieri negativi: come fronteggiarli

Scrittura: i benefici per la salute

Pubblica un commento