A A
hero image

Con lo strobing illumini il viso

La tecnica di trucco più in voga del momento? Lo strobing. Consiste nell’illuminare punti strategici del viso. Per mimetizzare le imperfezioni e togliere stanchezza e grigiore al viso

credits: iStock



Cera una volta, e nemmeno tanto tempo fa (per essere precise, la scorsa stagione), il contouring, la tecnica di make up giocata su un mix sapiente di luci e ombre, per scolpire il viso nascondendo i difetti. Oggi cè lo strobing, altra tecnica di maquillage che punta a ridefinire i volumi del viso enfatizzando le sue zone sporgenti. Come? Illuminandole (per la cronaca: strobe light è la luce psichedelica della discoteca). Dunque, a una tecnica delle ombre, con alternanza sapiente di chiaroscuri che ora "tirano fuori" ora scavano punti del viso, si sostituisce la tecnica della luce, con schiariture altrettanto sapienti di zone precise dellovale.
Ma come funziona lo strobing? Quali prodotti richiede? È adatta a tutte? A queste e altre domande ha risposto per Starbene Mirko Tagliferri, make up artist e personal looker di attrici e modelle.


COSA TI OCCORRE
La buona notizia è che per realizzare lo strobing non serve spendere un patrimonio. I trucchi necessari dovrebbero già fare parte del tuo beauty case: crema idratante, fondotinta, mascara e gloss. Quello che potresti non avere sono una strobe cream, crema illuminante da mettere su tutto il viso prima del fondotinta, e l’highlighter fluido, in stick o in polvere, per creare i punti luce.


COME PROCEDERE
Per ottenere il trucco strobing, è determinante la preparazione del viso. «Per prima cosa, idrata la pelle. Poi, prima metti la strobe cream, quindi applica il fondotinta: vale la regola di usare quello più adatto e simile al tuo incarnato. Ora, puoi iniziare a esaltare i punti luce, che non sono difficili da individuare, perché corrispondono alle zone sporgenti», svela il make up artist.


I PUNTI DA ILLUMINARE (CON MODERAZIONE)
«I punti chiave sono, infatti, gli zigomi, il dorso e la punta del naso, l’osso appena sotto la parte finale delle sopracciglia e l’arco di Cupido, vale a dire la zona centrale sopra la bocca. In alcuni casi, si possono evidenziare con lo strobing anche il mento, gli angoli interni dell’occhio, l’arcata superiore delle sopracciglia e il centro della fronte», spiega ancora l’esperto.
«Illumina, ma senza esagerare, questi punti. Puoi farlo con una crema iridescente da picchiettare con i polpastrelli o con una spugnetta, oppure, per le più esperte, usando una polvere illuminante e un pennello sagomato in setola naturale». A questo punto, non ti resta che completare il maquillage con mascara e gloss. Non serve altro, perché l’effetto migliore si ottiene con un make up nude. Truccarsi troppo o con colori molto sgargianti rischia di appesantire lo strobing, compromettendone le caratteristiche chiave che sono: freschezza, luminosità e naturalezza.


I PRO
Questa tecnica può essere utilizzata su chiunque, a qualunque età e su tutti i tipi di carnagione. È ideale quando la pelle appare segnata, grigia e atona, situazione tipica alla fine dell’inverno. Ma nulla ti vieta di adottarla anche quando sarai abbronzata, naturalmente adeguando almeno il colore della base.


I CONTRO
L’applicazione deve essere molto precisa, perché altrimenti si rischia un effetto di pelle sudata. Perciò, il consiglio per le meno esperte è di provarla almeno una volta con un truccatore che potrà svelare altri segreti. Per esempio, non tutte devono illuminare tutti i punti: dipende dai lineamenti e dalla forma del viso. Vale la regola di non illuminare i difetti: perciò, niente luce su nasi pronunciati e menti sporgenti.
Lo strobing non va usato, inoltre:
quando hai peletti sul viso, che rischiano di essere enfatizzati;
in presenza di pori dilatati;
se hai la pelle grassa (in questo caso serve un trucco opacizzante e non illuminante);
se hai il viso tondo, che è meglio scolpire con la tecnica del contouring;
se fa troppo caldo, perché la pelle è già tendente al lucido per il sudore.

3 marzo 2016

Fai la tua domanda ai nostri esperti

 

Il make up dell'estate

Naso perfetto con il make up

Pelle: come avere un viso luminoso