A A

Medicina estetica, i trattamenti effetto naturale

Basta trattamenti hard: ora piacciono quelli che stimolano la pelle a rinnovarsi. Dal lifting con gli ultrasuoni alla radiofrequenza 4D, ecco le ultime novità



1
hero image

Foto: iStock


di Laura D’Orsi

Tramontata la tendenza ai volti tiratissimi o gonfi di filler, oggi le donne chiedono ritocchi soft, che facciano apparire il viso disteso e riposato ma non trasformato. Così si stanno moltiplicando le proposte di trattamenti che garantiscono un effetto refreshing molto naturale, che si sviluppa nel giro di qualche mese. Vediamo le ultime novità.


IL LIFTING CON GLI ULTRASUONI

Ultherapy utilizza una speciale sonda che emette ultrasuoni focalizzati ad alta intensità, in grado di stimolare la produzione di collagene e provocare un effetto lifting che perdura nel tempo. «Raggiunge tre diverse profondità, arrivando allo strato muscolare che prima poteva essere trattato solo chirurgicamente», spiega Bruno Bovani, specialista in chirurgia plastica e presidente del Gruppo Italiano di Studio sulle Tecnologie (GIST). «Ultherapy può risollevare la zona delle sopracciglia, il sottomento, il collo e ringiovanire il décolleté. È la soluzione ideale per chi non se la sente di ricorrere al bisturi o per potenziare i risultati di un intervento».

I risultati veri e propri sono visibili dopo 2-3 mesi, quando il vecchio collagene viene sostituito dal nuovo e durano per circa un anno, poi è consigliabile effettuare un richiamo. Una seduta può durare 30-60 minuti e costa, per tutto il viso, circa 3000 €.


L'ACIDO IALURONICO CHE RIMODELLA

Si chiama Prophilo ed è un nuovo prodotto made in Italy a base di due tipi di acido ialuronico: a basso e ad alto peso molecolare. «Il primo svolge un’azione rigenerante perché stimola la formazione di fibre elastiche e aumenta l’idratazione cutanea. Il secondo ha un immediato effetto tensore e contrasta i cedimenti cutanei», spiega Rossana Capezzera, dermatologa.

Molto particolare è anche la tecnica di infiltrazione: si chiama BAP (Bio Aesthetique Point) e individua solo cinque punti di iniezione in ogni metà viso. Si consiglia un trattamento al mese (costo: 280 € circa) per 2-3 volte, poi le sedute si possono distanziare maggiormente in base al risultato ottenuto. A differenza dei tradizionali filler, Prophilo si inietta più in profondità, così diminuisce il rischio di lividi e gonfiori.


LA RADIOFREQUENZA 4D

Sfrutta le ultime scoperte tecnologiche la nuova metodica Venus, di origine israeliana, per il ringiovanimento del viso. «Sulla pelle viene passato un manipolo che combina radiofrequenza multipolare, campi elettromagnetici pulsati e un massaggio vacuum molto profondo», spiega Dvora Ancona, medico estetico. «Sulle zone trattate si avverte un calore che stimola i fibroblasti a produrre nuovo collagene. Non solo: Venus aiuta a sciogliere i depositi adiposi sotto il mento, favorisce il deflusso dei liquidi in eccesso e crea un effetto lifting immediato. Per questo è ideale in caso di gonfiori e borse sotto gli occhi».

Si consigliano 4-6 sedute a distanza di una settimana e poi un richiamo una volta al mese. Il costo per ciascuna è di 150 € circa.


Fai la tua domanda ai nostri esperti


Articolo pubblicato sul n. 8 di Starbene in edicola dal 9 febbraio 2016

Leggi anche

Braccia: la nuova medicina estetica

Il chirurgo estetico? Sceglilo così

Pubblica un commento