A A
hero image

I rimedi della nonna approvati dal dermatologo

Sono tantissimi i rimedi della nonna, quelli che puoi comodamente realizzare a casa tua. Ma sono tanti anche i falsi miti. Ecco i migliori scelti dal dermatologo

Getty Images



0

Ti sembrerà strano, ma in un era in cui è il tuo smartphone a fare tutto e a decidere per te, tornano prepotentemente in auge quei sistemi fai da te tanto amati e che tutti chiamiamo “i rimedi della nonna”. Via libera quindi a decotti, erbe, frutta e verdura o tisane comparsi in casa nostra due o tre generazioni fa e che, a quanto pare, restano ancora in testa alla classifica degli aiuti in caso di emergenza.

Per evitare però di inciampare in falsi miti abbiamo chiesto l’aiuto del dermatologo Carlo Alberto De Simone per scoprire quelli veramente validi ed efficaci. Eccoli.

Miele per le labbra

Labbra screpolate? Fai un impacco a base di miele: stendine uno strato abbondante perché il glucosio contenuto nel miele ha un grandissimo effetto riparatore della mucosa labiale.

Pane per l’eritema solare

Una buona soluzione per chi si scotta al mare può essere del pane inzuppato in acqua e avvolto poi in un fazzoletto: l’amido contenuto nel pane, infatti, è in grado di lenire l’arrossamento eccessivo della pelle. Assicurati di pulire delicatamente e con un detergente neutro la pelle interessata da scottatura o eritema e poi applica questo impacco e tienilo in posa per circa 30 minuti.

Cetriolo per decongestionare

A volte basta davvero poco per lenire il dolore. In questo caso solo una fetta di cetriolo: appoggiata sulla pelle arrossata per dieci minuti rinfresca e decongestiona. I cetrioli infatti sono costituiti per oltre il 90% da acqua e aiutano quindi a reidratare della pelle inaridita. Inoltre questo ortaggio contiene sali minerali come il magnesio, che ha grande potere. Un ultimo consiglio sull’utilizzo del cetriolo: se hai fatto tardi e ti sei svegliata con le occhiaie prova ad appoggiare due fette di cetrioli sugli occhi, sono un vero e proprio toccasana.

Impacco di malva per l’orzaiolo

Quel fastidioso arrossamento della palpebra, accompagnato da un rigonfiamento e da una sensazione di corpo estraneo che prude o provoca dolore, è il frutto di una infezione che si chiama orzaiolo. Per attenuare il disturbo causato da questa infiammazione si possono fare impacchi di acqua borica oppure di malva. Ecco come preparare un impacco: ti serve un cucchiaio di malva in mezzo litro di acqua bollente. Una volta intiepidito l’infuso si può utilizzare sull’occhio interessato per una settimana.

Ghiaccio e limone per il decoltè

Il ghiaccio, insieme al succo di un limone è un ottimo rimedio rassodante (e astringente) prima di mostrare un decolté importante. Basta una maschera di ghiaccio, in cubetti oppure tritato da lasciare agire per non più di 3/4 minuti. Una vera e propria cura d’urto per una serata speciale.

Patate per le mani arrossate

La pelle delle mani invecchia molto più precocemente di quella delle altre parti del corpo e una semplice crema idratante, anche se utilizzata tutti i giorni, a volte può non bastare: se sono screpolate oppure arrossate, puoi fare un impacco a base di patate. Il film idrolipidico (la pellicola che protegge la nostra pelle dalle aggressioni esterne) è spesso indebolito dai frequenti lavaggi, per questo le mani si disidratano, si screpolano e si arrossano facilmente. Un impacco a base di patate da tenere in posa una decina di minuti è l’ideale.

Ecco gli altri rimedi naturali a cui puoi affidarti.

Rimedi naturali anti occhiaie

Rimedi naturali per stitichezza e pancia gonfia

Esistono moltissimi rimedi 'fai da te' che puoi realizzare a casa tua

Maschere "fai da te"

Pelle sensibile: deodorante con il bicarbonato fai da te

Couperose: la maschera fai da te

Pubblica un commento