A A

Gambe al top anche dopo l’estate

Il sole, un po’ di movimento e qualche cura le hanno rese più belle e toniche. Ecco come mantenere gli effetti benefici delle vacanze



0

di Claudia Bortolato

L’estate è la stagione ideale per esibire gambe toniche e ben modellate e per attenuare i segni della cellulite. Il merito dei miglioramenti va alle giornate passate in spiaggia (in particolare all’effetto del massaggio/calore dei raggi solari e a quello drenante e modellante dell’acqua e del moto ondoso marino), insieme alle maggiori occasioni di movimento.

Ma è un beneficio temporaneo che, a vacanze ultimate, va capitalizzato, mantenuto e possibilmente potenziato e affinato con cure dedicate e specifiche e con qualche accorgimento speciale.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

INSISTI CON I COSMETICI

Sebbene lavorino in superficie, com’è nella loro missione, i cosmetici contribuiscono a mantenere la pelle delle gambe più tonica, liscia e a contenere il riaffiorare della buccia d’arancia. «Per la cellulite associata a cuscinetti di grasso occorrono creme a effetto drenante e riducente, per esempio con caffeina, quercia marina, aosaina (derivata da un’alga oceanica), escina o sinefrina, estratta dall’arancio amaro.

Applicale mattino e sera con un massaggio che parte dai piedi e si dirige con cerchi concentrici verso il ginocchio per arrivare alle cosce», suggerisce il dermatologo Carlo Di Stanislao, dell’Università dell’Aquila.

Se la pelle evidenzia perdita di tono, soprattutto nell’interno cosce, la sera preferisci un cosmetico dermorassodante, per esempio con laminina (un peptide biomimetico di nuova generazione), oppure con ginseng o ginkgo biloba, che stimolano l’attività dei fibroblasti o, ancora, con poliidrossiacidi, come acido lattobionico e gluconolattone, idratanti e di stimolo alla produzione di collagene ed elastina.

Se devi concentrarti sui particolari, occorrono altri interventi cosmetici. «Sulla culotte de cheval e sulle ginocchia con adiposità, come cura-urto puoi utilizzare i patch con attivi lipolitici e drenanti, che agiscono più in profondità rispetto a una crema (uno al giorno, per uno-due mesi)», dice l’esperto.

Infine, se a causa di una cattiva circolazione soffri anche di gonfiore e senso di pesantezza, 2-3 volte al giorno applica un prodotto specifico, per esempio con olio di iperico,  arnica, amamelide, rusco, vite rossa, esci a e vitamina K, che drenano e decongestionano, alleviano formicolii e senso di pesantezza. Efficaci anche gli oli a base di essenze come menta, salvia, limone e ginepro.

ELIMINA I PELI SUPERFLUI

Nei mesi estivi sicuramente hai mantenuto le gambe perfettamente depilate. Continua a farlo, associando all’operazione uno scrub (con un esfoliante, con una spugna di luffa oppure con le apposite spazzoline elettriche), che oltre a eliminare le cellule morte tiene alla larga peli incarniti e follicoliti, due rischi frequenti con cerette ed epilatori. 

Attenzione anche all’igiene: «Prima e dopo l’epilazione, passa sulle gambe una soluzione disinfettante a base di clorexidina. Subito dopo lo strappo, per accelerare la ricostruzione del film idrolipidico, sulla pelle risciacquata applica le apposite salviettine, oppure creme lenitive o un impacco di acqua termale», raccomanda il professor Carlo Di Stanislao.

PROVA IL MAQUILLAGE

Per mantenere la pelle delle gambe uniforme, luminosa e setosa, puoi puntare, al pari del viso, sul trucco. Nick Barose, make up artist di tante celebs, tra le quali il premio oscar Lupita Nyong’o, consiglia per esempio di adottare le tecniche del contouring, applicando sulle tibie una polvere minerale iridescente, aiutandoti con un pennello grande. 

Se l’abbronzatura è ancora intensa, invece, basta una noce di crema idratante mixata a della terra per rendere le gambe belle e luminose. Quando i capillari o eventuali macchie sono molto visibili, sono utili i prodotti specifici per il camouflage, che nascondono perfettamente per ore i difetti, sono waterproof e non macchiano gli indumenti. Sono disponibili in diverse tonalità di colore, per adattarsi al tuo.

Per una disomogeneità cutanea causata da piccole smagliature o da qualche leggero reticolo rossastro, invece, ti basterà stendere sulle gambe un velo di BB o di CC cream per il corpo.

NON SCORDARE IL FITNESS

Gli esperti sono tutti d’accordo: il movimento è il miglior amico delle gambe. «Per cosce troppo sviluppate, con cellulite e rilassamenti evidenti, dedicati alle camminate a una velocità sostenuta per almeno 30 a 45 minuti al giorno, o alla bicicletta, 40 minuti per sessione», suggerisce Mimi Rodriguez Adami, direttore tecnico della Fiaf (Federazione italiana aerobica e fitness).

«Per tonificare fai esercizi a carico naturale come quelli di aerobica sia a basso impatto sia ad alto impatto, in base alle tue capacità. Questi esercizi, oltre a stimolare la circolazione, allenano i grandi gruppi muscolari della parte inferiore del corpo, ovvero quadricipiti, abduttori, adduttori, glutei e ischiocrurali».

Ma a nulla possono lo stacco di coscia, le ginocchia e i polpacci perfettamente scolpiti se le tue caviglie sono troppo robuste. Correttivi fitness: «Camminate, corse o marce in piscina con acqua bassa o alta, in galleggiamento. L’importante è che il movimento sia a grande escursione e si senta bene il massaggio dell’acqua sulle gambe».

Articolo pubblicato sul n.37 di Starbene in edicola dal 29/08/2016

Leggi anche

Gambe: le strategie antigonfiore

Piedi gonfi o doloranti: le cure naturali

Gambe leggere: i 5 migliori esercizi

Le 3 posizioni per tonificare glutei e gambe

3 esercizi per avere caviglie sottili

Pubblica un commento