A A

16 domande sulla depilazione

L’obiettivo è lo stesso per tutte, ma i metodi sono diversi per efficacia, durata e sicurezza. Se hai dei dubbi, Qui trovi le soluzioni



1

di Claudia Bortolato

Posso eliminare i peli superflui poco prima di espormi al sole? La luce pulsata funziona anche per me che sono una bionda naturale? Quando tratto le ascelle devo stare attenta ai linfonodi? Se anche tu sei alle prese con la depilazione (e d’estate il problema diventa urgente e generale: nessuna sfugge!), nelle prossime pagine ci sono le risposte che ti servono per farlo al meglio. Ci hanno aiutato a sciogliere i dubbi due dermatologhe esperte, che in più hanno aggiunto tanti consigli e idee per affrontare il “disboscamento” nel modo più efficace e sicuro, con particolare attenzione per le precauzioni da prendere prima e durante l’esposizione al sole. E addio ai peli superflui.

1. D’estate i peli crescono di più? I prodotti “rallentanti” sono efficaci?
«Il calore aumenta il flusso del sangue che nutre il bulbo pilifero e per questo in tarda primavera-estate i peli crescono più in fretta», dice Marcella Ribuffo, dermatologa dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata di RomaI “ritardanti” sono utili e spesso hanno anche una funzione idratante. Ma se hai la pelle secca, utilizza in aggiunta anche un prodotto emolliente specifico».

 2. Quali fattori ormonali incidono sulla maggiore abbondanza di peli? 
«Un aumento degli ormoni androgeni dovuto all’ovaio policistico, al diabete o alla menopausa. Rivolgiti al ginecologo o all’endocrinologo», suggerisce Ribuffo 

 3. La ceretta sui baffetti può macchiare la pelle e accentuare le rughe nel contorno labbra?
«La ceretta troppo calda o uno strappo impreciso possono creare un’infiammazione, che favorisce la formazione di macchie scure», spiega Patrizia Piersini, medico estetico a Torino. «Meglio le cerette fredde a strisce. Le rughette del contorno labbra, invece, non peggiorano: appaiono più profonde per il temporaneo trauma del film idrolipidico, che torna alla normalità nel giro di qualche ora».

4. Ancora per i baffetti: qual è il metodo migliore? E posso truccarmi subito dopo?
«Scegli le cerette a freddo, ma mai se quel giorno ti esponi al sole. Gli schiarenti vanno bene solo sulla pelle non abbronzata e nei fototipi più chiari», chiarisce Ribuffo. Dopo lo strappo aspetta almeno 5 ore prima di truccarti: così il follicolo pilifero si richiude ed eviti che il make up lo penetri, favorendo le follicoliti.

5. Il rasoio: posso usarlo “a secco” oppure sempre con la crema?
«Utilizza quello a mano con una schiuma sulla pelle bagnata. A secco puoi usare i rasoi elettrici, che sono meno irritanti per la pelle», dice Patrizia Piersini.

 6. Ho i pelini sull’areola dei capezzoli: quale metodo fai da te è più sicuro?
«La pinzetta, prestando attenzione a non graffiare la zona. Prima disinfetta sia lo strumento sia i capezzoli con clorexidina e dopo applica una crema lenitiva», suggerisce la dottoressa Piersini.  

7. Qual è il sistema migliore per depilare le parti esposte, come gambe e braccia, quando ci si sta abbronzando?
«Consiglio il rasoio, a mano o elettrico, utilizzato però la sera. Qualche giorno prima di esporti, puoi fare anche una ceretta professionale delicata, al miele o al burro di karité», consiglia Marcella Ribuffo.

8. È vero che la donna deve usare il rasoio manuale specifico “per lei”?
«Sì: i modelli “dedicati” hanno lame su misura per la pelle femminile, più sottile e delicata di quella maschile, e testine che meglio si adattano a curve e pieghe. Inoltre, spesso nelle lame sono presenti guaine con lenitivi e decongestionanti», dice Ribuffo.  

9 Per le ascelle meglio rasoio o ceretta? La seconda può irritare i linfonodi?
«Con il rasoio rischi meno le irritazioni, ma già poche ore dopo la pelle inizia a pungere. La ceretta dura 2 settimane circa, ma in questa zona è dolorosa, può irritare i linfonodi e provocarne l’infiammazione. È meno traumatico l’epilatore elettrico con le apposite testine, che mantiene liscia la pelle per circa 15 giorni», dice la dottoressa Ribuffo.

10. Qual è il metodo più indicato per depilare la zona bikini senza irritarla?
«Il rasoio, soprattutto con la tintarella in corso, evitando la zona vicinissima alla vagina, dove la pelle è delicata e soggetta a frizioni», suggerisce Piersini. Inizia disinfettando la superficie e applica una schiuma o un latte specifici. Se preferisci un metodo più duraturo, va bene la ceretta professionale.

11 Ci sono cerette adatte alle pelli molto sensibili?
«Sì, quelle professionali a temperature inferiori a 38 °C, con decongestionanti naturali, come clorofilla e azulene. Bene anche la ceretta africana con miele (o zucchero) e limone, scaldata solo con le mani, e l’epilazione con una gelatina di rose e mirtilli. Sono adatte anche per chi ha una cattiva circolazione, ma vanno effettuate almeno una settimana prima di esporsi al sole», raccomanda Ribuffo.  

12 Le creme depilatorie sotto la doccia sono efficaci come quelle “a secco”?
«Sì, perché contengono gli stessi attivi, come l’acido tioglicolico, oltre a sostanze che le rendono impermeabili lasciando alle sostanze “scioglipelo” il tempo di agire (4-5 minuti)», rivela la dottoressa Ribuffo. Dopo la depilazione evita per 24 ore l’uso di saponi, deodoranti e spray profumati.

13 Come risolvo il problema dei peli incarniti? E come lo prevengo?
«A danno già avvenuto la soluzione sono i laser o la luce pulsata, che frammentano i peli che sono poi eliminati dai macrofagi, le “cellule spazzino”. Bastano 2-3 sedute; il costo parte da 150 e l’una», dice Piersini. Per prevenirli sospendi le cerette e usa le creme epilatorie o i rasoi. «Fai uno scrub alla settimana e tutti i giorni applica una crema idratante».

 14. Ho i peli chiari: funzionano il laser o la luce pulsata per eliminarli per sempre?
«Entrambi i metodi hanno come bersaglio la melanina contenuta nei peli, dunque non li eliminano se sono molto chiari o sottili. Possono solo rallentarne la crescita», spiega la dottoressa Piersini.

 15. In quali zone posso usare un metodo permanente (laser o luce pulsata) anche d’estate?
«Se non vai al mare puoi effettuarlo ovunque escluso il viso, esposto sempre ai raggi solari. In teoria potresti trattare le ascelle e la zona inguinale coperta dal bikini, ma ti consiglio di aspettare il rientro», dice Piersini.

 16. Gli apparecchi a luce pulsata casalinghi si possono usare anche d’estate e quando ci si espone al sole?
«No: sono meno potenti di quelli professionali ma usano comunque fonti di calore che possono macchiare la pelle esposta al sole», avverte Ribuffo.

Con prodotti e attrezzini giusti la pelle è subito liscia
1 La pinzetta è indispensabile anche per eliminare la peluria che sfugge alla depilazione: Lycia Easy Color, pinzetta e forbicine (non fotografate), in 3 colori. 6,90 e, nei super.

2 Olio di camelia e vitamina E: la crema Strep agisce in 3 minuti ed è perfetta per il corpo. 150 ml, 3,90 e, nei super.

3 Pratico il Kit scaldacera elettrico Depilzero; la confezione contiene anche una ricarica di cera da 50 ml,15 strisce e 2 salviettine post-epilazione. 15,04 e, nei super.

4 Il mentolo naturale rinfresca la pelle dopo lo strappo; la cera d’api naturale e il tessuto morbido assicurano una depilazione perfetta senza rovinare la tintarella. Bilboa Strisce depilatorie mentolo, 20 pezzi, 5,50 e. Nei super.

5 Miele, limone e zucchero per la cera depilatoria idrosolubile di Naturaverde. 400 ml, 6,30 e. Nei super e nelle catene specializzate.

6 La mini testina lubrificata con aloe vera e tea tree oil rende i Rasoi Bikiny Simply adatti anche alle pelli delicate. 3 pezzi, 2,19 e. Nei super Simply®.

Articolo pubblicato sul n.23 di Starbene del 26/05/2015 ora in edicola

Leggi anche

Beauty: le proprietà del latte

Mani: la crema all’olio oliva fai da te

Cosmetici ecologici: ecco il marchio di qualità

Capelli: le soluzioni salva chioma

Caffè: le proprietà per la bellezza (e il benessere)

Capelli, tinta fai da te: 10 cose da sapere

Le 3 migliori creme per piedi screpolati

Tatuaggi: attenzione agli inchiostri

Pelle del viso screpolata: i rimedi naturali

Depilazione totale del pube: è allarme rischi

Pubblica un commento