A A
hero image

Combatti la ritenzione idrica con il caffè

La ritenzione idrica colpisce soprattutto le donne. Tra i rimedi per combatterla c’è il caffè. Ecco perché funziona



0

La ritenzione idrica è una disfunzione molto diffusa in entrambi i sessi, ma in modo particolare tra la popolazione femminile: si tratta di una tendenza da parte dei tessuti a trattenere i liquidi in eccesso, con la conseguente comparsa di gonfiori e soprattutto quel fastidioso senso di pesantezza che conosciamo tutte benissimo e che ci coglie proprio in “quei giorni”.

Purtroppo per noi donne, le zone più interessate sono cosce e glutei. E, anche se le cause possono essere dovute ad alcune patologie, più spesso la colpa è da attribuirsi a uno stile di vita sbagliato e a una alimentazione scorretta. Proprio su questo dobbiamo lavorare.

Ma io soffro di ritenzione idrica?

Facciamo un passo indietro per capire meglio cosa succede a quella che noi chiamiamo “buccia d’arancia” e come si forma. Questo accumulo anomalo di liquidi, anche se difficile da combattere, non è altro che una condizione di metabolismo alterato, dove a causa di un cattivo funzionamento del sistema venoso e linfatico, i liquidi, ricchi di tossine, ristagnano e vanno ad alterare il metabolismo cellulare.

Sapete come verificare il vostro stato di ritenzione idrica? Basta premere per un minuto circa con il pollice sulla tibia, nella parte anteriore del polpaccio per intenderci: se rilasciando rimane visibile l’impronta del dito, con tutta probabilità siamo in una condizione di ritenzione idrica eccessiva.

Le cattive abitudini che mi fanno accumulare liquidi

Occorre quindi partire dal cambiamento di uno stile di vita “sopra le righe”: alcune abitudini come fumo, alcol, farmaci, sovrappeso, grandi quantità di sale e abiti troppo stretti sono deleteri per la ritenzione idrica. Anche stare a lungo seduti nella stessa posizione o in piedi senza muoversi è “pericoloso” per la nostra buccia d’arancia.

Ecco perché il primo passo da fare (dopo aver eliminato innanzitutto sigarette e superalcolici) è quello di muoversi regolarmente. Tutti i giorni: bastano 20/30 minuti di camminata spedita per riattivare la circolazione e ottenere ottimi benefici in breve tempo. Ma attenzione perché occorre molta costanza.

Le cattive abitudini che mi fanno accumulare liquidi

Occorre quindi partire dal cambiamento di uno stile di vita “sopra le righe”: alcune abitudini come fumo, alcol, farmaci, sovrappeso, grandi quantità di sale e abiti troppo stretti sono deleteri per la ritenzione idrica.

Anche stare a lungo seduti nella stessa posizione o in piedi senza muoversi è “pericoloso” per la nostra buccia d’arancia. Ecco perché il primo passo da fare (dopo aver eliminato innanzitutto sigarette e superalcolici) è quello di muoversi regolarmente. Tutti i giorni: bastano 20/30 minuti di camminata spedita per riattivare la circolazione e ottenere ottimi benefici in breve tempo. Ma attenzione perché occorre molta costanza.

%MCEPASTEBIN%

L’acqua che sgonfia

Bere tanta acqua è davvero importantissimo perché contrariamente a quello che si pensa, la ritenzione idrica è un sistema di difesa dell’organismo che si attua nel momento in cui si trova in mancanza di liquidi oppure con un eccesso di sostanze dannose da dover smaltire. Vi faccio un esempio: quando accumuliamo una quantità eccessiva di sale nel nostro organismo, per evitare che possa danneggiare i tessuti, il nostro corpo trattiene l’acqua per “stemperare” il più possibile la sostanza.

Facciamo quindi lo sforzo di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno! Attenzione: niente bibite né succhi, anche se alla frutta, perché contengono una grande quantità di zuccheri e altre sostanze chimiche che vanificherebbero ogni beneficio.

Le sostanze contro il ristagno dei liquidi

Sono tantissimi gli alimenti e i prodotti naturali in grado di riattivare il sistema linfatico, accelerare il metabolismo e stimolare la diuresi. Quali? La centella asiatica ad esempio, oppure ilmirtillo che ha anche un’azione anti infiammatoria, il pungitopo, l’ippocastano, il carciofo che stimola la funzionalità del fegato o ancora l’ananas e il tarassaco.

Ma soprattutto il caffè. Da sempre ci dicono che troppo caffè fa male. Ed è vero. Ma è anche vero che consumato nelle giuste quantità questa bevanda può essere un prezioso aiuto per la salute. Secondo l'American Heart Association la caffeina ha infatti un grosso effetto sul flusso ematico e sul miglioramento della circolazione sanguigni.

Chi ne trae maggior beneficio? Ma naturalmente le estremità del corpo e le gambe in modo particolare. Avete mai notato che il caffè possiede anche un effetto diuretico? Imparate a ridurre le quantità di zucchero in modo da eliminarlo del tutto. Per la ritenzione idrica è un vero e proprio toccasana. Provare per credere.

Pubblica un commento