A A

Cellulite: le cose da sapere

Questo disturbo interessa la maggioranza della popolazione femminile, ma poche lo affrontano nel modo giusto. Ecco i consigli degli esperti



0

di Camilla Ghirardato

Virginia Raggi, sindaco/a di Roma, ci ha scherzato su. Rivolta ai fotografi che la stavano riprendendo, ha dichiarato sbrigativa: «Evitiamo lo scoop sulla cellulite. Ce l’ho, ve lo dico io, son femmina».

E così ha prevenuto le critiche che non hanno invece risparmiato il ministro Maria Elena Boschi: quest’estate è stata attenta a non farsi paparazzare in bikini, ma le cosce non marmoree sono state smascherate, complici un accavallamento di gambe e una gonna troppo corta.

Le due politiche non sono certo sovrappeso: che abbia forse ragione Raggi a dire che, se sei donna, alla cellulite non scampi?

Fai la tua domanda ai nostri esperti

È SOLO UNA FACCENDA “FEMMINILE"?

«Purtroppo sì: i maschi hanno la pancetta, ma di cellulite neanche l’ombra, merito della disposizione delle loro cellule adipose, che non si gonfiano premendo il derma come capita a noi», spiega Cristina Fogazzi, autrice con il chirurgo plastico Enrico Motta di Guida cinica alla cellulite (Mondadori).

LE NOSTRE NONNE E MAMME NE AVEVANO MENO?

«Non disponiamo di dati statistici, perché un tempo il problema non era sentito», risponde il dottor Motta. «Ci si comincia a preoccupare della cellulite intorno agli anni ’70-’80, quando l’ideale estetico femminile cambia.

Si può però supporre che prima questa patologia esistesse (basti pensare ai quadri e alle sculture che hanno immortalato le cosce abbondanti delle modelle del passato), ma forse era meno diffusa perché si mangiava meno e ci si muoveva di più»

È PROPRIO UN'EPIDEMIA?

Sembra che ne soffra l’80% della popolazione femminile. Ma il dato potrebbe essere sovrastimato. «Le donne che si rivolgono a uno studio medico estetico vengono sottoposte a una serie di controlli (circolatori, appoggio plantare, valutazione della panniculopatia).

Alla fine risulta che solo un 50% ha davvero bisogno di un trattamento rimodellante», dice il dottor Enrico Motta. Per le altre la situazione si può tenere sotto controllo o migliorare con un adeguato stile di vita

SI TRATTA DI UNA QUESTIONE GENETICA?

«Nel 25% circa dei casi, sì», rivela il professor Antonino Di Pietro, dermatolgo. «Sono più predisposte le donne con struttura “a pera”, il tipo ginoide con fianchi e cosce sontuosi. 

Le donne con struttura androide, a “mela”, di solito hanno meno problemi». Ci sono altre categorie di donne che sfuggono alla pelle a materasso? «Chi è d’origine africana la maschera meglio, perché ha la cute più spessa, una guaina compatta che resiste alla pressione dei cuscinetti», precisa il chirurgo plastico Enrico Motta.

PERCHÈ NE SOFFRONO ANCHE LE MAGRE?

«Le cause più comuni sono problemi alla microcircolazione, la sedentarietà, un consumo eccessivo di sale. Oppure è colpa della struttura ginoide: si può dimagrire quanto si vuole, ma questa non cambia», spiega Enrico Motta.

I TRATTAMENTI MEDICO ESTETICI FUNZIONANO?

«Sì, a patto di scegliere quelli giusti e di non scoraggiarsi dopo poche sedute», spiega il chirurgo plastico. «Carbossiterapia e mesoterapia, pur non essendo risolutivi, aiutano davvero: prevedi di sottoporti ad almeno 10 sedute (da 60 €, n.d.r.)».

L’ALIMENTAZIONE È COSÌ IMPORTANTE?

Gioca certamente un ruolo chiave. «La parte del leone la fanno le verdure, che aiutano a eliminare l’acqua in eccesso», consiglia Evelina Flachi, specialista in Scienze dell’alimentazione. «Un’ottima abitudine è bere un centrifugato ricco di verdure antiossidanti e drenanti, come sedano, cetriolo e finocchio.

Alternativa dolce: anguria, fragole, ananas e zenzero». Attente al glutine, che in eccesso fa trattenere i liquidi. Riducete il sale, ricordando di calcolare anche quello nascosto, contenuto in formaggi, salumi, grissini, alimenti conservati.

IL FUMO PEGGIORA LA SITUAZIONE?

Sì: il vizio, che riduce la circolazione periferica, è una delle cause principali della cellulite.

LO SPORT È UN ALLEATO?

Non sempre: muoversi fa bene, ma nelle ultime Olimpiadi si sono viste cosce cellulitiche anche nelle atlete. «Per andare sul sicuro puntate su uno sport aerobico, come il fitwalking e la bicicletta. Per risultati sicuri è perfetto il nuoto: sfido chiunque a trovare un grammo di cellulite nelle cosce delle nuotatrici», dice la personal trainer Viviana Ghizzardi.

ESISTE UNA CREMA MIRACOLOSA?

Spiega il cosmetologo Umberto Borellini: «Da sola non risolve il problema. Ma abbinata all’attività aerobica e alla sana alimentazione e applicata con costanza porta dei miglioramenti. Guardate l’etichetta: deve essere citata la caffeina e poi principi drenanti come ippocastano, edera o betulla.

Sono particolarmente efficaci le formulazioni in patch: mentre una crema ha il suo picco di assorbimento dopo 20 minuti, il cerotto rilascia principi per ore».

L'AROMATERAPIA PUÒ AIUTARE?

Per trattare la buccia d'arancia, l'ultima novità arriva dall'Università di Grenoble. L'ingrediente magico questa volta è la cannella, che avrebbe un fenomenale effetto
stimolante per la circolazione e purificante per le tossine. Da consumare a tavola o spalmare in versione olio sulle zone da trattare.

Articolo pubblicato sul n.39 di Starbene in edicola dal 13/09/2016

Leggi anche

Gambe: le strategie antigonfiore

Come eliminare le smagliature

Lato B: esercizi su misura

Le 3 posizioni per tonificare glutei e gambe

Tisane detox contro la cellulite

Pubblica un commento