A A

La beauty routine per capelli sani

Piccoli segreti per chiome morbide e lucenti: un impacco prima dello shampoo, un lavaggio delicato, un rituale costante… Funziona, parola di giapponesi



Ancora una volta, le giapponesi insegnano. Sono loro che ci rivelano come prenderci cura dei nostri capelli quotidianamente, con prodotti adatti alla nostra tipologia di chioma e soprattutto di buona qualità.

Secondo la tecnica orientale del “layering”, infatti, letteralmente “sovrapposizione di strati”, le donne asiatiche credono che ogni rituale di bellezza, per la pelle come per i capelli, deve seguire tappe prestabilite in un ordine preciso, che richiedono pazienza, costanza e soprattutto relax.

Prendersi cura dei propri capelli infatti deve essere innanzitutto una pratica piacevole e ben accetta, che rilassa la mente e fa sentire bene con se stesse.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

L’impacco

Un impacco nutriente mezz’ora prima di procedere con lo shampoo, oppure alla sera, prima di andare a dormire (per poi fare lo shampoo il mattino dopo), purifica la chioma e la ristruttura in profondità.

Scegliere un olio vegetale biologico (d’oliva, macadamia, camelia, jojoba, germe di grano) e applicarlo poco a poco, su tutta la capigliatura. Se si ha il cuoio capelluto grasso, evitare questa zona e concentrarsi solo sulle punte. Se invece è normale o secco, applicare qualche goccia d’olio effettuando un massaggio circolare con la punta delle dita.

Ricoprire la testa con pellicola trasparente da cucina e avvolgerla in un asciugamano scaldato sul calorifero: il calore favorisce l’apertura delle cuticole permettendo all’olio di penetrare.

Lo shampoo

Anche il lavaggio ha un rituale preciso. Si bagnano i capelli con acqua tiepida, stemperare lo shampoo con un po’ d’acqua in una tazza e applicarlo direttamente sulla chioma umida, massaggiare senza strofinare, ma posizionare le dita in modo da usare i polpastrelli e non le unghie.

Esercitando una leggera pressione, eseguire dei movimenti circolari. Risciacquare e fare un secondo shampoo per rimuovere i residui di olio.

Il balsamo

Si trovano sotto forma di crema o fluido, ma ci sono in spray. Prenderne una piccola quantità e stenderla sulle lunghezze e non sul cuoio capelluto, perché potrebbe lasciarlo unto. Far agire il balsamo per qualche minuto e poi sciacquare.

Un ottimo balsamo casalingo si prepara mescolando un tuorlo d’uovo, il succo filtrato di un limone e 2 cucchiaini di miele.

Risciacquare con acqua fredda: riattiva la microcircolazione del cuoio capelluto e richiude le cuticole, donando lucentezza alla chioma.

L’asciugatura

Dopo aver lavato i capelli avvolgerli in un asciugamano, che comincerà ad assorbire con delicatezza l’acqua in eccesso. Passare le dita aperte tra le ciocche per scioglierle e pettinarle dolcemente e rapidamente.

Se è possibile, farli asciugare all’aria. Se si usa il phon, tenerlo a bassa temperatura e a distanza di circa 20 centimetri dalla testa. Un trucco: asciugare i capelli a testa in giù, così il sangue affluirà verso il cuoio capelluto, ossigenando i bulbi, e la chioma acquisirà maggior volume.

Il trattamento

Si può trovare sotto forma di spray, crema o siero: non prevede il risciacquo e si applica sui capelli appena lavati e ancora umidi. Questi prodotti apportano luminosità ai capelli, eliminando le ultime tracce di shampoo e contrastando gli effetti del calcare.

Sceglierlo privo di ingredienti petrolchimici e siliconi. Da ripetere da due a tre volte a settimana, a seconda del tipo di capelli.

Leggi anche

Capelli grassi o secchi? Cure su misura

Capelli sani con gli oli essenziali

Rituali dal mondo per capelli da favola

Ispirazioni d'oriente

Dal Giappone, il rituale del layering

Giappone: cucina al top

La papaya giapponese è il frutto del benessere